MATERAZI FUTURE CLUB_FUORI OGGI IL PRIMO ALBUM “FORMAZIONE TITOLARE”

0

IL PRIMO ALBUM

DELLA SQUADRA POST-PUNK CHE DISTORCE LE CHITARRE,
BALLA E FA BALLARE E SUPERA IL TIFO DIVENTANDO EPIFANIA DELL’ULTIMA GRANDE CELEBRAZIONE TRIBALE ITALIANA:
IL PALLONE

LIVE IL 15 DICEMBRE @ ARCI BELLEZZA

 

Milano, 2 dicembre 2022 

Esce oggi, venerdì 2 dicembre, su tutte le piattaforme digitali, “FORMAZIONE TITOLARE” il primo album di MATERAZI FUTURE CLUB (Woodworm/Universal), la squadra post-punk che distorce le chitarre, balla e fa ballare e supera il tifo diventando epifania dell’ultima grande celebrazione tribale italiana: il pallone.

“FORMAZIONE TITOLARE” (https://wdwrm.lnk.to/formazionetitolare), realizzato con il sostegno di Italia Music Lab, è un salto nel passatonell’infanzia a guardare le partite alla ricerca di una gioia che andasse oltre la semplice vittoria. «Vi ricordate quando in cortile ci mettevamo a provare l’elastico di Ronaldinho o a spaccarci gli stinchi a forza di tentare rabone orrende? Da questo spirito nasce “Formazione Titolare”, il nostro primo album», un progetto che è iniziato in una camera a Milano perché «era bella l’idea di fare un gruppo punk che parlasse di calcio e che avesse Materazzi nel nome ma con una Z sola, in omaggio ai Fugazi, gruppo post-hardcore statunitense di cui siamo grandi estimatori».

Prima un brano, poi l’altro e il progetto ha preso forma, permettendo che ognuno dei componenti (Edoardo, Riccardo e Marco) mettesse in gioco ciò che sa fare meglio: chi scrive, chi suona, chi balla, chi produce, chi semplicemente si ricorda il gol da centrocampo di Mascara.
Quando è arrivata la decisione di fare un album la scelta è stata semplice: continuare con i racconti dedicati a singoli personaggi del mondo del calcio.
Il numero di tracce era scontato: 12 (11+1), cioè una formazione completa con l’allenatore alla guida della squadra.
La formazione scelta è un 3-4-1-2 costituita da giocatori di enorme classe davanti e di indiscutibile ruvidezza dietro. Soviero in porta, difesa a tre con Mimmo Criscito a sinistra, Materazzi centrale e Jaap Stam a destra, a centrocampo Marek Hamsik mezzala sinistra, due mediani di peso come Gattuso e De Rossi e a destra a tutta fascia Luciano / Eriberto, dietro le punte Fantantonio Cassano ad inventare per Ronaldo (il fenomeno, quello vero) e Giuseppe Rossi. Alla guida della squadra ovviamente il boemo, la gioia e il dolore, Zdenek Zeman.
Quando si parla di “Formazione Titolare”, l’idea è quella di rimandare ad ascolti musicali legati al periodo d’oro dell’indie rock inglese, con riferimenti a band seminali che hanno formato i nostri ascolti in adolescenza. La scelta dei personaggi è venuta altrettanto naturalmente, nata da ricordi e ore trascorse a perdersi tra video sul pc e approfondimenti sportivi in televisione.
Al giorno d’oggi il calcio è un business ancora più grande di quanto non fosse già e questo ha creato un forte distacco tra chi lo guarda e chi lo “lavora”. A partire da questo il progetto Materazi Future Club pone le proprie basi, tentando di riportare in vita avvenimenti romantici di un calcio che molto spesso sembra non esistere più attraverso dei brani che esaltano chi già conosce determinate vicende ed avvenimenti storici nel mondo calcistico, chi non li conosce e ne rimane irrimediabilmente affascinato e incuriosito ma anche chi non sa nulla di calcio e vuole ballare e divertirsi con un sound post-punk “un po’ 2007”.

Giovedì 15 dicembre Materazi Future Club schiererà in campo live per la prima volta la sua “Formazione Titolare” all’Arci Bellezza di Milano, per festeggiare la release del disco. Tutte le informazioni qui: https://fb.me/e/2o6y3gZiI

“Luciano / Eriberto (feat. Max Collini)” è il singolo, dopo “Gattuso” e “Cassano”che ha anticipato il disco, un brano con cui i ragazzi hanno deciso di raccontare una delle vicende più assurde e controverse della storia del calcio, provando però ad immaginare cosa significhi indossare una maschera per andare contro delle forme di pregiudizio e vivere allo stesso tempo il peso di questa scelta. Due nomi, due età diverse, una sola persona: ecco chi sono stati Luciano ed Eriberto.
La storia di Luciano/Eriberto è uno di quei racconti di maschere, cambi d’identità e segreti nascosti che andava per forza messo in un brano.
Materazi Future Club ha deciso di affidare parte del racconto di questa storia a Max Collini, voce narrante e autore dei testi degli Offlaga Disco Pax, formazione emiliana eccentrica e underground che è arrivata nella scena indie italiana nel 2005 con i reci-cantati di “Socialismo tascabile”, primo loro album che contiene il seme di una nuova canzone politica, tra elettronica e post-rock, insieme alla constatazione di vivere in una società che non ci sta bene del tutto, in una contemporaneità il cui dramma è che nessuno sa più da dove viene, e quindi, non sa nemmeno più dove sta andando.
«Collaborare con Max Collini è stato, molto semplicemente, un onore – racconta Materazi Future Club. Gli Offlaga Disco Pax fanno parte dei nostri ascolti da sempre, i loro album sono pietre miliari imprescindibili: la sperimentazione nelle scelte dei sound e il linguaggio utilizzato attraverso la forma del parlato sono strettamente legati alla nostra musica. La scelta di non cantare per dar più spazio e rilevanza a ciò che viene detto è evidente anche nella nostra narrazione e, ovviamente con le dovute distanze tra i due progetti, c’è un fil rouge tra il nostro e il loro lavoro. Proporre a Max Collini di raccontare insieme a noi la storia di Luciano/Eriberto è stata una conseguenza naturale del percorso e ricevere un sì è stata una sensazione indescrivibile, dato l’amore per ciò che ha fatto con gli Offlaga Disco Pax.»

Materazi Future Club è post-punk, distorce le chitarre, balla e fa ballare, rendendo lo-fi lo sport più bello del mondo.
Il “Materazi Future Club” è stato fondato nel 2020 da 3 coinquilini che hanno deciso di unire musica disco-punk con le interviste più famose del mondo del calcio, focalizzandosi sulla poesia e il romanticismo ingenuo di quest’ultime.
Il progetto prende vita ufficialmente con la pubblicazione di “De Rossi” da parte di Woodworm Label, incuriosendo alcune tra le più importanti testate di musica, calcio e moda.
Nel febbraio 2020 in occasione del “MiAmi TVB” la band sale per la prima volta sul palco riuscendo a far ballare un Circolo Ohibò di Milano sold-out per l’occasione.
Seguono due anni di stop e la band decide di tornare sul palco solo quando il pubblico avesse avuto la libertà di saltare e questo succede nel 2022 con, tra gli altri, i live al Circolo Magnolia di Milano e al Farm Festival di Bari. Nel 2022 la band ha toccato anche le città di Roma, Grosseto, Torino e Piacenza.
“Cassano” e “Gattuso” nel 2021 sono state inserite da Spotify nella playlist “Notti Magiche” redatta in occasione degli Europei di calcio 2021.

Segui Materazi Future Club su: Instagram

Italia Musica Lab su: Instagram

Share.

Comments are closed.