[social] [social_icon link="/?feed=rss2" title="RSS" type="rss" /] [social_icon link="http://facebook.com/lostingroovemag" title="Facebook" type="facebook" /] [social_icon link="http://twitter.com/lostingroove" title="Twitter" type="twitter" /] [social_icon link="http://plus.google.com/113020370236331355022" title="Google+" type="google-plus" /] [/social]

ELEM – “Miroir”, il nuovo video/brano tratto dall’album Godere Operaio” uscito il 26/1 per Mahana Bay Label

0

CREDITS

Realizzato da: Loredana Antonelli

Coreografie: Chiara Orefice

Service: Okotek Videomapping

Cinematografia: Enzo Pascolo

Scenografie: Oscar Javier Montenegro De Huerta

realizzato con il sostegno dell’asilo – www.exasilofilangieri.it

Music: Elem

Mixed: Marco Messina, Danilo Vigorito

Mastered: Danilo Vigorito

 

Info sul video:
“Il nuovo video di ELEM nasce dall’ammirazione per un film girato nel 1972 da Jean-Luc Godard e Jean-Pierre Gorin all’epoca membri del Gruppo Dziga Vertov.  “Tout va bien” è l’ironico titolo di un film in cui tutto, ma niente va bene, è un film grottesco e surreale che racconta del rapporto tra pubblico e privato, tipico dell’esperienza umana e politica degli anni ’70.
Il video nasce dalle ceneri di Tout va bien. Il video oscilla tra dicotomie formali e sostanziali: dentro\ fuori, odio\ amore, muro\ finestra, digitale\ analogico. Ma in Miroir i volti dei protagonisti si smaterializzano, li vediamo in lontananza o illuminati a intermittenza da fari nella notte, come a sottolineare una latenza umana. Sono volti accomunati dal medesimo destino di indebolimento identitario sia nel pubblico, sia nel privato. L’identità assume allora le sembianze di una folla senza volto dove sesso, potere, amore, si mescolano al senso di disfatta, alla sensazione di allarme e pericolo. Alla paura per il futuro si mescola tragicamente la voglia di fare festa, dimenticare la sconfitta storica per restare vivi: impulsi dionisiaci disegnano i contorni di un uomo contemporaneo che assume le sembianze di uno straniero, un intruso, uno sconosciuto senza volto, Il video è stato girato negli spazi dell’exasilofilangieri di Napoli in collaborazione con un gruppo di attori e performer di diversa provenienza e formazione.

Gli effetti speciali e le grafiche utilizzate durante le riprese sono state create partendo da materiale usato durante i live visual di ELEM e sono stati realizzati con programmi di elaborazione dati in tempo reale e videomapping” – Loredana Antonelli

Artista: ELEM

Titolo: GODERE OPERAIO

Release date: 26/1/2018

Etichetta: Mahana Bay Label

 

Tracklist:

1.This is Religion, 2. Die for Oil, 3. Miroir, 4. Emma (Goldman), 5. Unconventional Roots,

2.6. Godere Operaio (practice), 7. Webern in Bombay, 8. Look Back in Anger, 9. Godere Operaio (theory)

 

ELEM continua la sua ricerca audio/video che integra nuovi linguaggi e nuove tecnologie multimediali, intrecciando elettronica, improvvisazione e frammenti di memoria tratti dalle avanguardie storiche. Dopo l’extended play omonimo pubblicato nel 2015 con Elastica Records, “Godere Operaio” è il nuovo long playing di ELEM, contenente 9 tracce e pubblicato dalla Mahana Bay Label di Lione.

Nel disco anche la cover dei Public Image Ltd – “This is Religion” (track 1) e la traccia “Die For Oil” con la voce campionata di Jello Biafra dei Dead Kennedys (dal suo disco spoken word “No More Cocoons”)

ELEM  \ GODERE OPERARIO TOUR:

(calendario in aggiornamento)

 

Venerdì 2 febbraio – Napoli – L’ Asilo

Sabato 3 febbraio – Vitulazio (CE) – Mr. Rolly’s

Venerdì 8 febbraio – Molfetta (BA) – Le Macerie – Baracche Ribelli CSOA

Sabato 24 febbraio – Pomigliano d’ Arco (NA) – First Floor Club

Giovedì 5 aprile – Lione – Mahana Bay Festival

Venerdì 6 aprile –  Lione – Mahana Bay Festival

Info tour: Clap Hands 

www.facebook.com/claphandsbooking/ – claphands081@gmail.com

 

GENERE:

Elettronica \ Multimedia

STYLE:

Trip Hop \ Experimental

GENESI / INFO SUL DISCO:

Nel 1977 Gandalf il Viola – esponente degli “Indiani Metropolitani”, l’ala libertaria e creativa del Movimento politico italiano della seconda metà degli anni ’70 – tenne una celebre conferenza in cui usò l’espressione “Godere Operaio”, che giocava provocatoriamente sull’assonanza con “Potere operaio”, storico gruppo della sinistra extraparlamentare. Questa espressione è diventata il titolo del brano omonimo di ELEM che utilizza frammenti della conferenza, e poi dell’intero album, nel quale appaiono altre voci dal forte contenuto politico, come quelle di Emma Goldman e di Jello Biafra. Rispetto alla release precedente, il nuovo album si arricchisce del contributo di altri musicisti con i loro strumenti acustici ed elettrici.

 

GENESI DI ELEM:

ELEM nasce nel 2012 durante una serata d’improvvisazione elettronica nata per caso presso il centro di produzione d’arte e cultura di Napoli  l’asilo  exasilofilangieri.it
Il progetto manifestafin da subito una forte propensione all’improvvisazione e alla sperimentazione multimediale attraverso un rapporto sinestetico tra audio e video in cui i differenti linguaggi si fondonoassieme dando vita a un’esperienza dal vivo unica e coinvolgente.

La prima release di ELEM – Elastica Records 2015 – conferma la qualità visionaria del gruppo, dirottando il progetto in modo più deciso verso una direzione di sperimentazione artistica checolloca il progetto tra le realtà più interessanti nate negli ultimi anni “under volcano”.  A partire dalla prima release, ELEM focalizza sempre di più l’attenzione sull’aspetto performativo:vibrazioni oscure e magmatiche si mescolano a live visuals visionari e ipnotici che caratterizzano le performance del gruppo in giro tra numerosi club e festival su territorio nazionale edinternazionale.
ELEM è una scarica adrenalinica, un agglomerato inquieto di frequenze e vibrazioni, una cellula nervosa animata dal desiderio…

 

BIOGRAFIE

Marco Messina musicista, produttore e sound designer, membro storico dei 99posse, band con la quale ha all’attivo 6 album per un totale di oltre 500.000 copie vendute. Ha composto musiche per film e documentari che sono stati presentati e premiati in alcuni tra i più importanti festival cinematografici (Torino Film Festival, Berlinale, Festival del cinema di Venezia). Collaborazioni: Pino Daniele, Subsonica, Motel Connection, Meg, Raiz, Alma Megretta, General Levy, Linton Kwesi Johnson, Dennis Bovell, 24 Grana, Solis String Quartet, Danilo Vigorito, Peppe Voltarelli, Roy Pacy, Her, Barbara de Dominicis, Speaker Cenzou, Retina.It, Mirko Signorile, Ringe Ringe Raia, Nino Bruno, Marcello Colasurdo, Costanza.

Fabrizio Elvetico nato a Napoli, ha studiato pianoforte e composizione, perfezionandosi con Franco Donatoni. Ha alle spalle una lunga attività nell’ambito della musica antica e contemporanea, della libera improvvisazione e della sonorizzazione audiovisiva. Fondatore dell’Illàchime Quartet, ha collaborato con musicisti di varie aree, tra cui Mark Stewart, Rhys Chatham, Graham Lewis, Salvatore Bonafede, Schneider TM, Philippe Petit, Domenico Sciajno, Retina.it, Emanuele Errante, Rossella Cangini. Dal 1999 è titolare della cattedra di Armonia e analisi musicale, attualmente presso il conservatorio di Benevento.

Loredana Antonelli artista visiva dal percorso spurio e articolato (laurea in filologia cinese, master BLCU; performer Teatro delle Albe, NTFI, diploma ICRA project). Il suo lavoro è incentrato sulla produzione d’installazioni, live visual e video arte, che oscillano tra l’astratto e il reale. Come performer ha realizzato una serie d’indagini sul rapporto tra realtà\presente, sogno\imperfetto, uomo\mito. Come regista di video musicali, ha collaborato con musicisti nazionali e internazionali. Mostre: Biennale di Venezia 56 – sezione Musica, Expò di Shanghai, CAM, Palazzo Reale di Napoli e il Museo di Tianjin – Cina.

CREDITS:

All tracks written and produced by : ELEM

except track 1 written by Public Image Limited

Cover Design : Luca Serafino, Loredana Antonelli

Photography : Sabrina Cirillo

Recorded by ELEM

Mixed by Marco Messina & Danilo Vigorito

Mastered by Danilo Vigorito

MUSICIANS:

Electronics : Marco Messina

Electronics, Bass : Fabrizio Elvetico

Visuals : Loredana Antonelli

 

ADDITIONAL MUSICIANS :

Marcello Giannini : electric guitar on “Look Back in Anger

Michelangelo Dalisi : voice on “Religion

Mimmo Fusco : electric guitar on “Godere Operaio (Practice)”

Pietro Santangelo : tenor sax on “Die for Oil”

Slavina : voice on “Godere Operaio (Theory)”

Vincenzo Lamagna : electric bass on “Emma (Goldman)”

Links: http://www.facebook.com/elem4music/ // http://www.youtube.com/user/ELEM4MUSIC/videos

http://www.facebook.com/mahanabaylabel/ // http://mahanabaylabel.com

 

Share.

About Author

Comments are closed.