I’M NOT A BLONDE_ Fuori il nuovo video DAUGHTER feat. Gian Maria Accusani e le nuove date

0

Fuori il video di “DAUGHTER” (feat. Gian Maria Accusani)
secondo estratto dal nuovo album 
in uscita a gennaio per l’etichetta INRI-METATRON

Guarda e condividi il video: https://youtu.be/XxWeEa55WkQ 

4 NOVEMBRE – ALBIZZATE (VA) – THE FAMILY
21 NOVEMBRE – MILANO – INRI NIGHT – ARCI OHIBO’
15 DICEMBRE – ROMA – LE MURA
16 DICEMBRE – SCAFATI (SA) – CONTROVERSO
22 DICEMBRE – VITTORIO VENETO – SPAZIO MAVV

Per interviste/richieste: nina@astarteagency.it

————————————————————————————————————————

I’M NOT A BLONDE tornano dopo il successo di INTRODUCING I’M NOT A BLONDE con il video “DAUGHTER”. Secondo estratto dal nuovo album di inediti previsto per gennaio 2018, Daughter è stato preceduto da A Reason, pubblicato in anteprima video da Wired.it, presentato al Wired Next Fest e realizzato con la complicità di Gian Maria Accusani (Prozac +/Sick Tamburo) e prodotto da Daniel Hunt (Ladytron).

“DAUGHTER” è un brano dalle tinte electro-pop che corre malinconico tra i ricordi d’infanzia, dei giochi desiderati e di quelli “imposti”. Davide Marconcini, regista del video, rilegge queste emozioni e racconta di Ettore, un bambino di 7 anni che esplora il suo mondo interiore avventurandosi in un bosco. In questo luogo, Ettore è libero di giocare, sperimentare, appendersi a testa in giù e ululare, passando da lupo a supereroe, ancora libero dalle convenzioni della vita adulta.

Link al videohttps://youtu.be/XxWeEa55WkQ 

“Ettore rappresenta quella parte di noi che vuole scappare dalle abitudini alla scoperta di luoghi e territori diversi. E a suo modo racconta l’avventura di I’m Not a Blonde rispetto al processo creativo di questa canzone e di tutto il disco. Abbiamo sempre lavorato noi due sole, Chiara e Camilla, occupandoci di tutto: scrittura, arrangiamento, produzione. Con questo disco abbiamo voluto esplorare nuove possibilità, facendo entrare altre persone nel nostro mondo. Da Daniel Hunt, che ha lavorato alla produzione di A Reason, a GianMaria Accusani (seconda voce del brano e complice della sua creazione) e infine Matilde Davoli, che con il mix e mastering ha saputo aggiungere colore e sfumature. Ognuno di loro ha dato qualcosa di sé facendo prendere ai pezzi direzioni inaspettate che ci hanno permesso di scoprire dentro di noi territori inesplorati, permettendoci di dare nuova forma alle nostre storie e alle nostre emozioni”.

Il singolo vede dunque la collaborazione di Gian Maria Accusani (Prozac +, Sick Tamburo) sia come co-autore che come featuring alla voce, ed è stato mixato e masterizzato da Matilde Davoli, che si è occupata del mix e del master dell’intero album in uscita a gennaio 2018 per l’etichetta INRI-METATRON. 

CREDITS
Prodotto da Cartacarbone
Regia e fotografia di Davide Marconcini
Con Ettore Said Bellati
Editing a cura di Veronica Scotti

PROSSIME DATE
4 NOVEMBRE – ALBIZZATE (VA) THE FAMILY

21 NOVEMBRE – MILANO – INRI NIGHT ARCI OHIBO’
15 DICEMBRE – ROMA – LE MURA
16 DICEMBRE – SCAFATI (SA) – CONTROVERSO
22 DICEMBRE – VITTORIO VENETO – SPAZIO MAVV

BIO
I’m Not A Blonde (But I’d Love To Be Blondie) sono Chiara “Oakland” Castello eCamilla Matley.
Autrici e polistrumentiste, insieme scrivono canzoni di stampo electro-pop con richiami alle più diverse influenze: dai ritmi e synth degli anni ’80 alle chitarre e melodie dal sapore punk anni ’90, avvicinandosi ai mondi di Moloko di Roisin MurphyLeTigre di Kathleen Hannae più recentemente Holy Ghost Tune-Yards.
Il duo è la loro forza e il loro sound si trova in bilico tra le loro due personalità: Camilla Matley – che è anche un architetto – ama uno stile pulito, sintetico ed elegante, mentreChiara Oakland – che ha studiato design – preferisce gli spazi pieni e ama lasciare sempre un po’ di caos in quello che fa. Il loro lavoro insieme riflette la ricerca di un equilibrio tra diversi aspetti dei loro caratteri, tra ironia e follia, divertimento e serietà, minimalismo e art-pop, digitale e analogico, il tutto avvolto da quel velo di malinconia di derivazione new-wave che le accomuna.
Sul palco costruisco i loro pezzi con architetture di loop che si sovrappongono: voci, chitarre e synth si sommano, facendo del loro live-set una performance che riempie gli spazi sonori di una full band.
Nel corso del loro primo anno di vita hanno pubblicato, con scadenza trimestrale da ottobre 2014 a luglio 2015, una trilogia di EP contenenti 3 brani ciascuno e chiamata ironicamente 3P. Questi brani vengono poi raccolti nel loro primo vero LP INTRODUCING I’M NOT A BLONDE pubblicato con l’etichetta INRI METATRON nel gennaio 2016. Nell’album vengono inclusi anche 3 remix realizzati da Yakamoto KotzugaGreen CableKole Laca de”Il Teatro Degli Orrori“. I video ufficiali di “IF” e “TUDIS” escono in anteprima su REDBULL TV WIRED e trasmessi in rotazione su MTV Italia.
Protagoniste a Palazzo Corsini, durante Pitti Uomo A 2015 / 2016, della sfilata di Andrea Incontri di cui curano la colonna sonora live, si conquistano – tra 2014 e 2016 – le aperture degli Hurts (Alcatraz), Bluvertigo (Fabrique), Verdena Merchandise (4AD). A febbraio 2016 si esibiscono per il progetto “I LIKE MART” in un live set tra le installazioni di Mario Merz, all’interno delle sale del MART: Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto. Nel 2016 vincono il concorso “Musica da Bere 2016“e arrivano in finale alle selezioni di “Arezzo Wave” e in semifinale allo “Sziget and Home Festival“.  Il 12 maggio 2017 esce il loro ultimo singolo “A REASON”, scritto assieme a Gian Maria Accusani (Sick Tampuro, Prozac+) e prodotto da Daniel Hunt (LadytronQuest’estate hanno suonato al Wired Next Fest prima di Max Gazze, al Flower Fest con Levante ePeaches, al Rugby Sound Fest prima dei Planetfunk e all’Home Festival con diversi artisti tra cui Duran DuranModerat Soulwax.  Il nuovo album è previsto per gennaio 2018.

Facebookfacebook.com/Imnotablondeband/

Share.

About Author

Comments are closed.