Vita da Musico: I Paradisi

0
È risaputo che, generalmente, per capire il significato e la struttura di un lavoro – in questo caso di un album (“Dove Andrai”) – sarebbe alquanto necessario e scrupoloso, oltre ad un attento ascolto, avere più informazioni possibili sui componenti della band.
Ma conoscere la vita e le abitudini di questi 4 individui che formano questo gruppo chiamato “I Paradisi ” potrebbe recare a voi più sensibili un profondo senso di solitudine; a voi più savi, nausea e sconforto, ai più depravati, invece, vergogna e sventura.
Questa timida curiosità non gioverebbe dunque a nessuno!
Sarebbe come entrare e vivere dentro a un racconto del grottesco di Edgar Allan Poe.
Ebbene, fratelli e sorelle, siete liberi di ascoltare, di sentire la musica, sentitevi pure coinvolti, inoltratevi negli abissi dei suoni, dei rumori e delle melodie, per poi ritornare a galla con salvagenti di parole.
Interpretate i testi, senza aver però la pretesa di dover capire cosa volesse dire o spiegare l’autore.
È forse questa la vera libertà, è forse questa la vera bellezza dell’arte e della musica, ed è proprio questo a rendere eterna la poesia: L’INTERPRETAZIONE.
E sarà probabilmente questo a non farvi sprofondare e trascinare nell’inganno, poiché I Paradisi sono uomini reali, ma anche illusioni, sono visioni simmetriche e utopistiche, sono calde cupidigie e freddi tormenti di lacrime, sono tutto e non sono niente e, nonostante ciò, non sono nemmeno tanto sicuri delle loro verità.
Forse l’unica certezza è che “Dove Andrai”, il loro disco, è il contenitore, il loro vaso di Pandora, il loro testamento.
L’odore della vita
e le livide labbra della morte.
I Paradisi nascono a Milano nel 2012.
Le sonorità d’oltreoceano, con particolare rifermento alla psichedelia 60’s e al rock dei primi anni ’70, sono il terreno in cui il gruppo affonda le proprie radici, per dare vita alla propria visione.
Non mancano incursioni nel blues e nella canzone d’autore italiana della medesima era, a far da sfondo a testi che si muovono in chiaroscuro, tra irrazionale e pensiero, in un continuo contrasto tra ciò che è reale, e quello che si percepisce come tale. Lungo questo corso scorre “Dove Andrai”, in uscita a ottobre 2016.
Share.

About Author

Comments are closed.