Vita da Musico: Nails&Castles

0

L’idea era nell’aria. Marc Nails e Steven Castles sono amici di vecchia data ed era da tempo che accarezzavano la possibilità di scrivere qualche brano a quattro mani. Finalmente nel 2014 si sono messi al lavoro e quello che ne è uscito è un prodotto interessante e un po’ bizzarro; i due, infatti, suonano musica pop utilizzando praticamente un solo strumento armonico: il basso. Il resto è affidato a batterie programmate e inserti di ukulele, che, si sa, per certi versi è anche meglio di una chitarra.

Steven viene dalla scena punk; Marc ha avuto a che fare un po’ con tutti i generi, dal rock al jazz. Ed è dalla dalla fusione di questi differenti e spuri trascorsi musicali che nasce il loro sound così personale. Il disco, suona volutamente sporco e, considerate anche le influenze musicali del duo, non poteva essere altrimenti. Ascoltandolo, chi è cresciuto negli aridi anni 90 (come loro) ci ritroverà tante cose: il britpop, la wave, lo shoegaze, il downtempo…

Il disco propone 7 tracce, tutte composte, arrangiate e registrate nello studio casalingo della band, durante weekend di isolamento creativo e nottate post-lavorative.

Per il mastering, il duo, brianzolo di origine ma milanese di adozione, si è affidato a Matteo Agosti del Frequenze, vera e propria istituzione della scena alternativa brianzola: Bluvertigo, Garbo, Luca Urbani, Micol Martinez, tanto per fare qualche nome, sono passati da questo studio monzese.

Anche la trasformazione live della band è interessante. Il duo si presenta sul palco con due bassi, un computer, un ukulele e una batteria. Il suono dal vivo è fedele al disco, ma il passato punk e rock dei due emerge con più decisione: così, pezzi elettronici, assumono un sound molto più rock. Del resto David Byrne ce lo ha spiegato: i dischi non sono musica, ma una sua imitazione basata su processi psicoacustici. Ed è proprio lavorando all’interno dei limiti del disco stesso che il duo è diventato una band live.

Per essere pronti a ogni evenienza si sono inventati anche un set acustico con contrabbasso, ukulele, percussioni e voce, e ormai sembrano pronti a portare in giro i frutti di tutto questo lavoro.

Nails&Castles è un duo indie pop milanese, le cui sonorità mischiano strumenti analoghi e all’apparenza contrastanti come basso e contrabbasso sui quali vengono sovrapposti inserti di ukulele completati da una voce fortemente influenzata dal punk dalla new wave.
La costruzione ritmica è affidata, invece, a batterie programmate e suonate.

Nails&Castles è Mark Nails (musica) e Steven Castles (voce); la formazione dal vivo prevede quattro elementi, essenziali al fine di ricreare le giuste sonorità e aggiungere maggiore carica alla performance live. Nails&Castles nasce alla fine del 2014 come progetto da studio, il primo disco composto da 7 tracce presenta un inedito mix di indie pop, wave, shoegaze e downtempo.

Share.

About Author

Comments are closed.