Vita da musico: Le chiavi del faro

0

Il furgone è sempre stato la nostra salvezza: Fiat Scudo Diesel, modello anni 90, bianco. 3 posti: numero perfetto! Ci ha accompagnato fino ai più dispersi lidi della penisola italiana, dai piccoli e intatti borghi medievali, alle grandi e caotiche metropoli. Sulle anguste stradine sterrate delle campane umbro-marchigiane, ma anche sulle grandi tangenziali del Nord. In mezzo a fiumi di gente di Via San Gregorio Armeno a Napoli sotto Natale, ma anche nei deserti orizzonti della pianura padana. E dentro ci mettevamo proprio tutto: 2 chitarre, 1 ampli chitarra, 1 basso, 1 ampli basso, 2 pedaliere, 1 batteria, 1 sassofono, 1 impianto con mixer e spie da palco, varie borse con la cavetteria, uno scatolone con i nostri dischi e i vari bagagli. Insomma, ci entrava dentro proprio tutto.

Già…”Dentro”, il nostro nuovo album in uscita il 14 gennaio. Chissà se inconsciamente il titolo deriva da un’ispirazione dovuta allo Scudo bianco, può darsi. Fatto sta che la scorsa estate, in particolare nel periodo di fine Luglio e inizio Agosto, ci siamo rinchiusi dentro lo studio di registrazione Al Fondino, a Gubbio, gestito dal nostro amico Walter Lanzara. Lo abbiamo fatto assieme ad un ragazzo di Milano, con usi e costumi quasi opposti ai nostri, ordinato, ostinato, preciso. Ma soprattutto Simone Sproccati è un bellissimo e bravissimo ragazzo che capisce di musica, se ne intende, e soprattutto te la fa intendere al meglio. La mastica, la deforma, la trasforma e poi la rende fruibile. Un vero e proprio produttore artistico. E non a caso il produttore artistico lo fa come lavoro. Simone ci ha insegnato molto, persino alcune frasi o detti in milanese. Ha tirato fuori il meglio da noi, facendoci scoprire anche lati e sfumature musicali che non pensavamo di possedere. E noi abbiamo fatto lo stesso con lui. Ci siamo amalgamati in tutto e per tutto, ci siamo collegati e fusi a vicenda. Ne è venuto fuori, oltre che una bellissima e sincera amicizia, un gran bel lavoro. 11 tracce che ti entrano dentro, senza lasciarti il tempo di respirare. 11 tracce che ti mettono davanti ad un bivio: rischiare o accontentarsi? 11 tracce che solamente chi guarda le cose dall’interno può davvero fare sue.

Ed ora ci apprestiamo a ripartire per “strade secondarie e tortuose” (cit…), portando il sound del nuovo album quanto più possibile in giro per i locali. Che alla fine è questo quello che conta, e anche quello che ci piace più fare. Condividere con il pubblico la nostra musica, mai uguale, mai banale, mai scontata. Il pubblico rappresenta per noi il divertimento, la sfida, il rischio, perché ogni pubblico è diverso, e ti risponde in modo istintivo. Ci piace rapportarci con la gente in maniera molto spontanea, proprio come l’anima della nostra musica. Un’anima free. Senza troppe strutture. Un’anima pura, come le persone che si complimentano con noi dopo i concerti.

Tutto questo come sempre con la giusta dose di umiltà e sacrificio che solo chi è del mestiere può capire…

Ora tutti “Dentro”.

http://it-it.facebook.com/lechiavidelfaro/

http://lechiavidelfaro.bandcamp.com/

Share.

About Author

Comments are closed.