[social] [social_icon link="/?feed=rss2" title="RSS" type="rss" /] [social_icon link="http://facebook.com/lostingroovemag" title="Facebook" type="facebook" /] [social_icon link="http://twitter.com/lostingroove" title="Twitter" type="twitter" /] [social_icon link="http://plus.google.com/113020370236331355022" title="Google+" type="google-plus" /] [/social]

Esce oggi Paura, secondo disco di Felpa, il progetto solista di Daniele Carretti

0
A quasi due anni da “Abbandono” (2013), oggi 2 febbraio esce il nuovo disco di Felpa, il progetto solista di Daniele Carretti (Magpie, Offlaga Disco Pax).
“Paura” parla delle paure che ci circondano, che ci assalgono quando rimaniamo soli o ci accorgiamo di esserlo. “Paura” viene pubblicato da Audioglobe in 500 copie con un frame fotografico di momenti passati in cui, forse, Daniele non aveva ancora paura. “Paura” è stato registrato da Daniele in casa a Reggio Emilia tra marzo 2013 e agosto 2014. Ad anticipare l’uscita del disco, il 13 gennaio è uscito “Inverno”, il primo singolo distribuito in digitale da Sussidiaria insieme ad una personale versione di “Rimmel” di Francesco De Gregori, a 40 anni dalla sua pubblicazione. I bellissimi collage delle grafiche sono stati realizzati da Filippo Quaranta.

“Paura” è un disco scritto e registrato poco dopo aver finito i mix di “Abbandono”, nella primavera del 2013, per continuare un percorso legato a sensazioni presenti e passate che ritornano e che ci pongono davanti a delle scelte che siamo costretti ad accettare e portare avanti. Sensazioni non strettamente legate a parole e testi, anche se il disco contiene parti biografiche importanti, ma soprattutto ad atmosfere sonore e arrangiamenti.
Quando Daniele è triste suona, registra. Stessa cosa quando si trova in quei momenti in cui pensando al passato e al futuro prova un senso di “paura” e quasi di vertigine. Suonare è una specie di terapia e inevitabilmente risente delle sensazioni provate ed esorcizzate. “Paura” parla e suona di queste sensazioni, quelle che linearmente potrebbero arrivare dopo l’abbandono e che inevitabilmente proviamo quando ci si sente persi. Dalla nebbia impalpabile di “Buio” al nascere della paura, bramando l’”Inverno” e pensando a qualcosa che resta immobile e non succede mai, “Momenti”. Chitarre dilatate per qualcosa che non si può continuare “Accanto a te”, o restare accanto a qualcuno anche quando non c’è più (“Paura Mai”). Tra il “Sempre dopo” per qualcosa che non si risolve mai e il rimanere intrappolati in una batteria ipnotica e lontana nello “Spazio”, mentre si aspetta invano qualcuno o qualcosa in “Stanotte”. Aver paura di non riposare e di perdere lucidità nelle notti insonni d’”Estate”. Un finale chiuso e lontano che lascia qualche spiraglio e prova a rendere più facile tutto. Inutilmente, “Luce”.
Tutti i brani sono stati interamente registrati in casa di notte o in momenti liberi in cui sopraggiungeva un forte bisogno di sfogo e ricerca di pace. Come “Abbandono”, “Paura” è un insieme di note biografiche, sensazioni presenti e passate che scaturiscono da momenti apparentemente persi nel tempo ma che ineluttabilmente ritornano per collocarsi in un ordine più o meno curato (dal “Buio” alla “Luce”), incastonate all’interno di atmosfere sonore profonde e dolenti.

TRACKLIST
1. Buio
2. Inverno
3. Momenti
4. Accanto a te
5. Paura Mai
6. Sempre Dopo
7. Spazio
8. Stanotte
9. Estate
10. Luce

Facebook: http://www.facebook.com/abbandonoFelpa 
Bandcamp: http://felpa.bandcamp.com/
Youtube: http://www.youtube.com/channel/UC03wMVcMYWB7JU3oKRu2Uyg

Share.

About Author

Comments are closed.