Disponibile in digitale “Non è finita qui”, il nuovissimo singolo inedito di Tormento

0

TORMENTO

Disponibile in digitale Non è finita qui, il nuovissimo singolo inedito dell’artista 

Il brano conclude un lungo e intenso mese di pubblicazioni sulle piattaforme digitali di tante storiche release dal catalogo musicale di Tormento 

“Alcuni dicono che l’Hip Hop sia morto, forse non rendendosi conto che l’Hip Hop raccontava proprio i tempi che viviamo adesso. Oggi l’Hip Hop è più attuale che mai. Anzi, per dirla tutta, ce ne sarebbe davvero un dannato bisogno.”

Tormento

È disponibile in digitale il nuovissimo brano di TORMENTO: Non è finita qui è l’ineditoche segna la conclusione di un lungo percorso nel mese di febbraio che ha visto l’artista protagonista della pubblicazione sulle piattaforme del suo storico catalogo musicale

Da Il mio diario ai dischi firmati Yoshi, fino ai joint album con Esa e Lefty e il singolo/book-trailer Io sono 2Pac (brano del 2013 che ha visto la luce per la prima volta sui digital stores in questo 2021), sono tantissimi i progetti ora nuovamente disponibili in streaming, per ripercorrere la carriera di Tormento e raccontare attraverso i suoi ricordi tutti i passaggi fondamentali che hanno segnato la musica dell’artista.

Non è finita qui, prodotto da Mr Aru e già da mezzanotte nella playlist New Music Friday di Spotify, è un brano che omaggia l’Hip Hop a cuore aperto: non solo la cultura, che ancora oggi si fonda su concetti attualissimi, ma anche una celebrazione degli artisti che nel tempo hanno contribuito a formare Tormento come persona e come artista.
Su un inarrestabile ritmo funk, Tormento arricchisce il brano con le sue rime citando tanti nomi di personalità artistiche che, come lui, hanno sempre ragionato al di fuori degli schemi e dei dettami dell’industria, offrendo al pubblico soltanto il proprio sincero punto di vista dando così un apporto importantissimo al significato dell’Hip Hop al giorno d’oggi.

Ascolta “Non è finita qui” in digitale

Tormento spiega:

«Non è finita qui… questa storia dell’Hip Hop.» In questo periodo gli anni ’90 sono tornati fortemente di moda, nell’abbigliamento ma anche in ambito musicale. Erano gli anni in cui si diffondeva lo street style e la società iniziava ad essere un meltin’ pot di culture differenti. Arti espressive anche più elevate, come la pittura e la danza, erano influenzate dal linguaggio della strada. Quando Andy Warhol diceva: ‘Nel futuro ognuno sarà famoso per quindici minuti’, all’epoca non riuscivamo a cogliere quanta verità fosse nascosta in questa frase. Alcuni dicono che l’Hip Hop sia morto, forse non rendendosi conto che l’Hip Hop raccontava proprio i tempi che viviamo adesso. Avanti mezzo secolo sulla propria realtà contemporanea, l’Hip Hop sapeva anticipare cosa avrebbe voluto dire continuare sulla strada che la società aveva intrapreso. Per questo motivo il vero messaggio è sempre stato osteggiato e mal compreso. Oggi l’Hip Hop è più attuale che mai. Anzi, per dirla tutta, ce ne sarebbe davvero un dannato bisogno. 

Questo brano è un omaggio agli artisti che hanno sempre ragionato al di fuori degli schemi, dettati dalla moda del momento. Chi ha saputo mantenere la lucidità e uno sguardo limpido verso le proprie aspettative, sempre nel rispetto degli altri, oggi ha qualche chiave in più per comprendere la società in cui viviamo. Sentiamo nel profondo che ancora molta è la strada da fare ma, come recita l’intro di questa traccia: ‘Non è mai finita…finché non lo decidi tu’.

TORMENTO

Segui Tormento su Spotify

BIO

Tormento alias Massimiliano Cellamaro è un rapper e produttore discografico italiano.
Fra i primi cultori del rap in Italia, per primo ha portato il genere in televisione nel corso degli anni ‘90 insieme ai Sottotono. Con il singolo La mia coccinella apre un’opportunità nel mercato italiano che ancora non esisteva. Tormento è una figura amata e rispettata non solo nell’ambiente del rap, ma in tutta la musica italiana, che vede in lui il fondatore e l’innovatore di un genere musicale troppo spesso vittima dei propri dettami. È un riferimento tuttora fondamentale per le nuove generazioni del rap e della trap, ed ha contribuito alla crescita di molti artisti di questo genere. Senza dimenticare il filo che lo lega ad artisti come Tiziano Ferro, che ha prestato la sua voce come corista durante un tour dei Sottotono, e che lo ha poi voluto come unico featuring maschile all’interno del proprio album Il mestiere della vita.
La capacità di incarnare alla perfezione tutti gli stereotipi del rapper d’oltreoceano, alternata alla sua vocazione da cantante e soul man, hanno reso Tormento popolare e amato da due generazioni diverse.
Il 2019 è stato un anno magico che lo ha visto a febbraio ospite di Livio Cori al Festival di Sanremo, al fianco di Big Fish. Ad aprile pubblica il brano Acqua su Marte con J-Ax e insieme conquistano i primi posti delle classifiche di air-play radiofonico. La produzione musicale è affidata ad SDJM, un team che di lì a poco raggiungerà un successo mondiale grazie al progetto Meduza. Con loro firma anche il nuovo singolo 2 Gocce di Vodka a settembre e il brano Per quel che ne soa dicembre, che vanta la collaborazione dei Tiromancino. Lo stesso anno partecipa all’album di Benji e Fede nella traccia Tra lo stomaco e lo sterno e partecipa con Big Fish al remix di Sembro Matto di Max Pezzali.
Il duo Sottotono, durante questo anno di riavvicinamento, sente ancora viva l’intesa che da sempre li lega. E nel marzo del 2020, durante una puntata di EPCC come ospiti di Alessandro Cattelan, svelano di essere al lavoro su un progetto che finalmente li rivede insieme.
Il 2021 sarà un anno ricco di sorprese per i fan legati da sempre ai Sottotono.

Share.

Comments are closed.