I NO JOY condividono il nuovo singolo ‘Nothing Will Hurt’, secondo estratto da ‘Motherhood’ in uscita il 21 agosto per Joyful Noise

0

I No Joy condividono il nuovo singolo e il lyric video di ‘Nothing Will Hurt’ – https://www.youtube.com/watch?v=ujKwiA5NjO8

‘Nothing Will Hurt’ è il secondo brano estratto in anteprima dal nuovo album ‘Motherhood’, in uscita il 21 agosto per Joyful Noise.

 

Guarda il video del primo estratto ‘Birthmark’ – https://www.youtube.com/watch?v=cR1aFiOuNY0&feature=youtu.be

 

I No Joy sono un band di Montreal, Canada, guidata dalla talentuosa Jasamine White-Gluz, artista rispettata da musicisti di diversi generi e scene, dallo shoegaze, all’elettronica, passando per digressioni post hardcore e metal contemporanee e l’indie rock.

“Dude, No Joy is the best band ever. Two hot blonde girls just shredding away. Sooooo amazing” – Brittany Cosentino, Best Coast

 

I No Joy sono stati battezzati dal vivo da sua maestà Grant Hart e hanno continuato la loro carriera suonando in compagnia di band di culto e successo come Best Coast, Surfer Blood, Wire, Deafheaven, DIIV, Vivian Girls, Quicksand e Bath e cementato la loro posizione all’interno della scena indie grazie a collaborazioni con musicisti di talento come Peter ”Sonic Book” Kember.

Photo by Mathieu Fortin

‘Nothing Will Hurt’ è il quarto album dei No Joy, primo per Joyful Noise dopo tre album per Mexican Summer.

Jasamine e Laura, sono due artiste di indiscusso talento, capaci di infarcire i loro perfetti inni indie rock di riff heavy rock, arrangiamenti pop, synth industrial e muri di dealy di scuola shoegaze.

Le avevamo lasciato il gruppo nel 2018 con il favoloso NoJoy/Sonic Boom split Ep composto a quattro mani con l’ex Spacemen 3 Peter Kember ed ora tornano con il primo full length in cinque anni. I No Joy hanno reincoporato nel loro sound le chitarre showgaze dell’esordio, ma con un attenzione per synth e produzione non distante dal mondo del trip-hop, della trance e del nu-metal. ‘Motherhood’ è il culmine di un percorso personale per i No Joy, dopo anni di tour e collaborazioni con le più disparate realtà, dal post-hardcore dei Quicksand, all’ambient di Baths. Il primo singolo ‘Bithmark’ è esemplificativo dello stile odierno dei No Joy, capace di combinare il dance rock tipicamente anni ’90 dei Repubblica con le dolci sfuriate dei Deftones. Nel brano ‘Dream Rats è presente Alissa White-Gluz, sorella di Jasmine e leader della nota death metal band svedese Arch Enemy.

 

‘Nothing Will Hurt’ è un album particolare, con synth di scuola berlinese, line di basso piene di groove e infinite sfaccettature vocali, ed un mood tipicamente anni ’90 ispirato al trip hop dei Massive Attack , il pop sofisticato degli Sneaker Pimps e il rock dei No Doubt. L’album è stato co-prodotto da Jorge Elbrecht (Ariel Pink, Sky Ferreira, Japanese Breakfast).

 

Info album: https://www.joyfulnoiserecordings.com/products/motherhood

No Joy – ‘Motherhood’
Disponibile dal 21 agosto per Joyful Noise
tracklist:
01. Birthmark
02. Dream Rats (feat. Alissa White-Gluz)
03. Nothing Will Hurt
04. Four
05. Ageless
06. Why Mothers Die
07. Happy Bleeding

  1. Signal Lights
    09. Fish
    10. Primal Curse
    11. Kidder

NO JOY info:
Twitter
Facebook
Instagram
Patreon
Bandcamp

Share.

Comments are closed.