ANTONIO PALUMBO presenta il nuovo EP “HOW FAST WE LIVE”

0
Dopo le esperienze con il funk-soul dei Contrada Beat, 
resident band a Radio 101, 
e con il progetto neo-folk  dei Nebel, 
con cui si è esibito in tutta Italia 
e ha aperto il live di Daniele Silvestri a Londra,

 e dopo il debutto solista con l’EP autoprodotto
“Altaguardia” nel 2017,

anticipato dai singoli 
 
e il nuovissimo
pubblicato oggi,
ANTONIO PALUMBO
presenta 
“HOW FAST WE LIVE” EP 
 
in arrivo il 18 ottobre 2019
L’EP è stato realizzato in maniera totalmente indipendente in linea con i valori di MYCELIA FOR MUSIC, di cui Palumbo è Creative Passport Ambassador.
MYCELIA è l’iniziativa creata dall’artista elettronica e produttrice britannica IMOGEN HEAP per creare un ambiente unico, sicuro e certificato per tutti i music maker che vivono e operano nel mondo digitale.
TRACKLIST:
Matches – Pretty Boy – For You – Thank You For Dancing – I Try
_______________________________________
 
ANTONIO PALUMBO
HOW FAST WE LIVE – SHOWCASE
 
GIOVEDÌ 24 OTTOBRE 2019
MILANO, IL NEMICO
VIA PIACENZA, 20
 
inizio concerto ore 20,30 – ingresso gratuito
 
_______________________________________________________
Antonio Palumbo torna con un nuovo lavoro dopo aver debuttato da solista due anni fa, lasciandosi alle spalle due importanti e gratificanti esperienze di band, che l’hanno formato fino al punto di decidere di esprimersi in totale autonomia. Dopo l’anticipazione con il singolo “Thank You For Dancing” pubblicato a giugno, e in occasione della pubblicazione del secondo singolo estratto, “I Try”, il cantante e musicista milanese presenta il nuovo EP, “How Fast We Live”, in arrivo il 18 ottobre 2019. Il disco affronta temi come la frenesia con cui si vive al giorno d’oggi, le paure che attanagliano man mano che passa il tempo, i fili che tengono ancorati al passato e che si lotta per cercare di tagliare, la voglia di protezione e l’accettazione di sé.  L’EP è prodotto da Davide Andreoni (Sycamore Age, Andrea Chimenti, Alessandro Grazian), che ha realizzato una miscela sapiente ed equilibrata di atmosfere acustiche, richiami synth pop e attitude rock per un sound elegante e senza tempo.  L’incontro con il produttore avviene nell’estate del 2018 per la realizzazione di nuovi brani: come conseguenza, le canzoni acquisiscono un feeling energico, sofisticato e glam che non stravolge però la scrittura d’origine; e il risultato finale è un EP dal sound instant classic, che mescola sapientemente elementi folk a synth 80s, melodie catchy e ritmiche sostenute con rimandi anni ’90 per un pop elegante, diretto e stratificato. L’EP è realizzato in maniera del tutto indipendente in linea con i valori di  Mycelia For Music , iniziativa promossa da Hymogen Heap e di cui Palumbo è Creative Passport Ambassador. Distribuzione: CD Baby. “How Fast We Live” sarà presentato da Antonio Palumbo nello showcase di giovedì 24 ottobre a Milano, a Il Nemico.
“Le canzoni di questo EP sono nate con calma, nel corso di un paio d’anni in cui mi sono sentito improvvisamente adulto, in una età di mezzo che non è più quella senza pensieri tutta fantasie e futuro ma un momento di vita in cui il tempo all’improvviso si fa veloce e denso. Sono le riflessioni di un giovane uomo alle prese con il mondo in cui viviamo, un piccolo bilancio di vita vissuta, un’àncora mollata in un porto sicuro prima di salpare per nuovi lidi.” 
(Antonio Palumbo)
L’EP traccia per traccia nelle parole di Antonio Palumbo:
MATCHES
“Non lo vedi come viviamo velocemente?”. Dal ritornello di MATCHES (inteso come “fiammiferi”) nasce il titolo dell’EP. I nostri giorni bruciano come fiammiferi, diventano vapore sui vetri e quando ce ne accorgiamo proviamo un po’ di paura e un po’ di rabbia. Un invito a lasciare andare i pensieri negativi e alleggerire i nostri cuori, perché il tempo corre davvero troppo in fretta e non ritorna più.
PRETTY BOY
Guardavo vecchie foto dei miei 20 anni, quando sono uscito dal guscio e ho iniziato a scoprirmi e a scoprire il “mondo” gay. Com’ero insicuro! Tutti quei ragazzi mi sembravano bellissimi e irraggiungibili, ognuno perfettamente a suo agio mentre io mi vedevo come un piccolo Calimero impacciato e imbranato. Questa canzone è una lettera a quel ventenne alla ricerca di amore e approvazione, per dirgli: “non preoccuparti, andrà tutto bene”.
L’arrangiamento energico e scanzonato evoca alla perfezione la forza di quelle nottate spese a innamorarmi di tutti.
FOR YOU
Una piccola canzone di incoraggiamento, una promessa per chi ha tutta la vita davanti e avrà bisogno qua e là di una roccia a cui appoggiarsi. Io voglio essere quella roccia, in qualunque parte del mondo mi trovi, vicino o lontano, sarò sempre la persona su cui contare per una parola di incoraggiamento, per trovare libertà di espressione, per rifugiarsi e sentirsi liberi di essere sempre sé stessi.
THANK YOU FOR DANCING
Un fuoco sempre acceso, romantico e nostalgico. Un invito a restare insieme, a continuare a ballare per fermare il tempo che corre, per creare uno spazio felice in nome dell’amore. La canzone che ha aperto la strada a tutte le altre.
I TRY
A volte l’unico modo per farci capire da chi abbiamo di fronte è urlare con rabbia. Quando il muro delle incomprensioni è troppo alto ed è impossibile comunicare, tentare di fare breccia nell’altro può essere doloroso, ma è fondamentale per restare fedeli a sé stessi sempre e comunque.
Biografia: Antonio Palumbo incomincia a suonare la chitarra a sedici anni, grazie al fratello che lo aiuta a pagarsi le prime lezioni. Il primo progetto importante arriva nei primi anni 2000, quando diventa il frontman dei Contrada Beat, una band di stampo funky/soul che per l’intera stagione 2006/2007 viene ingaggiata da Radio 101 come resident band. Nel passaggio da cover a inediti il gruppo cambia nome in Nebel, progetto dal coinvolgente stile neo-folk: l’attività live diventa incessante e vengono nel frattempo pubblicati due dischi autoprodotti e , nel 2010, un EP, “La Stagione”, prodotto da Marco Guarnerio, già al lavoro con Le Vibrazioni, e pubblicato da Oyez!. Fra i live più significativi della prolifica band, l’esibizione in Piazza Duomo a Milano durante LiveMI (Red Ronnie) e l’apertura a Daniele Silvestri al Jazz Cafe di Londra.
Poi una pausa: necessaria, voluta, indispensabile per poter studiare, crescere, e il ritorno altrettanto inevitabile alla musica, con la consapevolezza di voler continuare da solo. Antonio Palumbo decide di comporre in Inglese, perché gli viene più semplice essere se stesso. E suona, tantissimo, esplorando le sonorità dei suoi amati John Mayer, Bon Iver, Iron & Wine, Ásgeir, Niccolò Fabi, Brunori SAS, solo per citarne alcuni. Nel 2017 arriva così l’EP di debutto solista, “Altaguardia” (dal nome della via di Milano dove vive quando scrive i cinque pezzi che ne fanno parte): in lingua inglese appunto, con tematiche che comprendono l’amore, il diventare grandi e la presa di coscienza di dover lasciare andare. Continuano i live, in versione intimistica e acustica, perfetti per quel tipo di canzoni. E ancora concerti con la band nei locali e qualche live chitarra e voce all’estero (Mr Wolf’s, Bristol, novembre 2017 – KGB, New York, aprile 2018). Nell’estate 2018, l’incontro con Davide Andreoni porta alla creazione dell’EP “How Fast We Live”.
HOW FAST WE LIVE – CREDITS:
Music & Lyrics: Antonio Palumbo
Arrangiamenti e Produzione: Davide Andreoni
Batteria: Luca Stignani
Basso, Chitarre, Tastiere e Synth: Davide Andreoni
Recording & Mixing: Giacomo Zambelloni @ Everybody On The Shore Studio, Milan
Mastering: Maurizio Giannotti
Cover:
Art collage: Fabrizio Talia
Artwork & Graphics: Pasquale Pinto
Foto Promo:
Laura Baiardini – Instagram: @baiardiny
more on Antonio Palumbo:
Share.

Comments are closed.