Disponibile “A”, il nuovo album di inediti di Blindur

0

“A”

 IL NUOVO ALBUM DI INEDITI DI 

BLINDUR

(La Tempesta dischi / distr. Believe/Master Music)

 

TOUR DI PRESENTAZIONE

27 Aprile – Thiene (VI) – Sede music festival

01 Maggio – Santa Lucia della Mela (ME) – May Day Sound

03 Maggio – Milano – Arci Ohibò

04 Maggio – Napoli – Galleria 19

17 Maggio – Torino – Off Topic

07 Giugno – Roma – India Estate

 

Disponibile “A”, il nuovo album di inediti di BLINDUR, progetto di MASSIMO DE VITA.

L’album, in uscita per La Tempesta Dischi, arriva a due anni di distanza dall’omonimo disco d’esordio, vantando nuovamente la collaborazione con Birgir Birgisson, storico fonico di Sigur Ros, Bjork e moltissimi altri, con cui Blindur ha già collaborato per il primo disco.

 

Il disco è stato anticipato dai singoli “Invisibile agli occhi” e “Futuro presente”.

 

Link video “Invisibile agli occhi”: https://youtu.be/Y1X2p4UxRrk

Link video “Futuro presente”: https://www.youtube.com/watch?v=cGkEAMl_Ol4

 

Dagli esordi Blindur ha all’attivo oltre trecento concerti in Italia e all’estero, partecipazioni in importanti festival internazionali e sette premi, tra cui il Premio Pierangelo Bertoli, il Premio Fabrizio De André e il Premio Buscaglione “Sotto il cielo di Fred”.

 

Nato ufficialmente nel 2014 come power duo, composto da Massimo De Vita e da Michelangelo Bencivenga, Blindur prosegue ora il suo corso artistico sotto la guida del solo Massimo De Vita, a cui si affianca la band formata da Carla Grimaldi (violino), Julie Ant (batteria) e Luca Stefanelli (basso).

 

Progetto da sempre influenzato dalle sonorità folk, alternative rock e dalla poetica del cantautorato, Blindur, con il secondo lavoro discografico, riparte dalle infinite possibilità di un nuovo inizio, fatto di parole intime e sonorità calde e avvolgenti, in perfetto spirito folk.

 

BLINDUR PARLA DEL DISCO “A”

Ci sono il buio, la paura, le ossessioni, i fantasmi, le ferite e il dolore.
Il dolore dal quale continuamente scappiamo, il dolore che comunque alla fine ci raggiunge, ci colpisce e, se non ci sfinisce del tutto, si mette lì in un angolo a ristagnare fino a diventare tormento.


Però ci sono anche la luce, il coraggio, i sogni, gli antidoti, le cicatrici che diventano percorsi e soprattutto la necessità di riconvertire la sofferenza in una nuova occasione, una semplice “A” in corsivo maiuscolo in una preziosa e importante memoria personale ritrovata.



Tra le pieghe di queste canzoni ci sono le rovine di quest’epoca; la solitudine; l’ansia; tantissimi punti interrogativi; ma anche la poesia; quella sensazione sacra che qualcuno chiama amore; la disperata ricerca di un posto dove sentirsi al sicuro, almeno fino al prossimo terremoto.



“A” è il resoconto sull’inizio dei trent’anni, sulle incertezze e sul pensiero del futuro, ripetendo come un mantra le parole del poeta Leonard Cohen “There is a crack in everything – That’s how the light gets in”.

 


Il disco è stato prodotto e realizzato da Blindur e Paolo Alberta (già fonico con Ligabue, Negrita, La fame di Camilla e altri); Blindur ha registrato tutti gli strumenti in quasi tutti i brani, ma non sono mancate collaborazioni di spicco: JT Bates (già batterista per Big Red Machine e Bon Iver); Adriano Viterbini (Bud Spencer blues explosion); Fabrizio Poggi (pilastro del blues made in Italy, candidato ai Grammy Awards 2018); Daniele Ruotolo (voce e chitarra dei Malmo); Birgir Birgisson (storico fonico di Sigur Ros, Bjork e moltissimi altri), con cui Blindur ha già collaborato per il primo disco.

 

Tracklist

01_Invisibile agli occhi

02_Futuro presente

03_3000X

04_Il punto di rottura

05_Q.B.

06_La forma delle mani

07_Una brutta canzone

08_Ansia

09_Cetrioli

10_Come sassi

 

Etichetta: La Tempesta Dischi

Ufficio Stampa e Promozione: Big Time – pressoff@bigtimeweb.it

Distribuzione: Believe / Master Music

Booking: La Tempesta Concerti – simone@latempesta.org

 

Formazione Blindur

Massimo De Vita – voce, chitarre, synth, percussioni;

Carla Grimaldi – violino, percussioni e voce;

Julie Ant – batteria e voce;

Luca Stefanelli – basso e voce

 

CREDITS

Testi e musiche di Massimo De Vita tranne traccia 9 di Cesare Isernia e Massimo De Vita

Produzione artistica di Massimo De Vita e Paolo Alberta

 

Registrato presso “le nuvole studio” (Napoli) da Paolo Alberta con l’assistenza di Antonio Del Mondo, Massimo De Vita e Michelangelo Bencivenga.

Mixato da Paolo Alberta

Masterizzato da Birgir Birgisson presso “sundlaugin studio” (Reykjavik)

 


Hanno suonato nel disco:

Massimo De Vita – voce, chitarra acustica, elettrica, baritona e tenore, ukulele, basso, batteria, percussioni, drum machine, pianoforte, synth e tastiere;

Carla Grimaldi – violino;

Paolo Alberta – percussioni, ritmi, glockenspiel;

 

JT Bates – batteria nelle tracce 1 – 3 – 5 – 7;

Adriano Viterbini – chitarra elettrica nella traccia 3;

Daniele Ruotolo – chitarra elettrica nella traccia 2;

Fabrizio Poggi – armonica nella traccia 6;

Michelangelo micki Bencivenga – chitarra elettrica nella traccia 8 e banjo nella traccia 9.

Antonella Marino – corno francese;

 

L’armonica di Fabrizio Poggi nella traccia 6 è stata registrata da Mattia Cominotto presso il “green fog studio” di Genova;

il corno francese di Antonella Marino è stato registrato da Fabrizio Piccolo presso “auditorium novecento” di Napoli;

la batteria di JT Bates è stata registrata da lui stesso nel suo studio a Minneapolis;

la chitarra di Adriano Viterbini è stata registrata da lui stesso nel suo studio a Roma.

 

BLINDUR – BIOGRAFIA

 

Blindur è il progetto di Massimo De Vita, cantautore, polistrumentista e produttore.

Dal 2014 al 2018 Blindur è stato un power duo, molto influenzato dalla scena new folk internazionale, composto dallo stesso Massimo De Vita e da Michelangelo Bencivenga (polistrumentista), ai quali si è poi affiancata Carla Grimaldi (violinista).

Dopo l’abbandono di Michelangelo, Blindur ha intrapreso un nuovo percorso: nell’inverno 2018 Massimo De Vita ha registrato, quasi totalmente da solo, il secondo disco di Blindur e, parallelamente, è nata la nuova band.

 

Il suono di Blindur è da sempre fortemente influenzato dal rock alternativo, dal folk, dal post rock e dal cantautorato.

 

Blindur in cinque anni di attività ha collezionato più di 300 concerti tra Italia, Belgio, Islanda, Francia, Germania, Irlanda e Usa, prendendo parte ad importanti festival internazionali come: Body&Soul Festival (2015) a Westmeath; Iceland Airwaves festival (2016 & 2017) a Reykjavik, essendo per 2 edizioni di fila l’unica band italiana in cartellone; SXSW festival (2018) ad Austin – Texas; People festival (2018) a Berlino, in qualità di ospite di Damien Rice; Italiart festival (2019) a Dijon.

 

Blindur ha prodotto tra il 2014 e il 2016 due EP dal vivo “Casa Lavica live session” e “Solo Andata – Live in giardino”.

Blindur è stato vincitore di vari premi tra cui: premio Donida 2014; premio Muovi la Musica 2014; premio Nuova Musica Italiana 2015; premio Pierangelo Bertoli 2015; premio Fabrizio De Andrè 2015; premio Buscaglione “Sotto il cielo di Fred” 2016 e premio Tempesta Dischi sempre nell’ambito dell’edizione 2016 di “Sotto il cielo di Fred”; premio Discodays 2016. Inoltre è stato tra i 16 finalisti per l’edizione 2016 di Musicultura. Nello stesso anno, Blindur è tra le 10 band rivelazioni dell’anno secondo Keepon.

 

Nel 2017 è stato pubblicato da “La Tempesta dischi” l’omonimo disco d’esordio, entrato tra i cinque migliori dischi nella categoria “opera prima” per il premio Tenco.

Per celebrare la fine del tour 2017, che ha contato più di 90 concerti in un anno, è stato pubblicato da “Manita Dischi” e in collaborazione con Rolling Stone Italia, l’Ep “Mozzarella session”, una raccolta di cover rivisitate, in cui Blindur ha duettato con Malmö, Dellera e Xabier Iriondo degli Afterhours, Tre Allegri Ragazzi Morti, Espana Circo Este, Luca Romagnoli del Management.

 

Nel 2017 Blindur ha partecipato anche a “Tregua 1997-2017 Stelle Buone”, riedizione del celebre album di Cristina Donà, duettando con la stessa Donà nel brano “Piccola Faccia”.

 

Insieme a Carlo Verdone, Renzo Arbore, Mogol, Elio e le storie tese, Claudio Coccoluto e altri, Blindur è tra i protagonisti del  docufilm “Vinilici – perchè il vinile ama la musica”, per il quale ha curato anche parte della colonna sonora; il docufilm è stato presentato al “RIFF – Rome Independent Film Festival” e è stato in tutte le sale a partire dal 20 novembre 2018.

 

Il 19 Aprile 2019 esce, per La Tempesta dischi, il nuovo disco di Blindur, intitolato “A”.

 

Blindur ha collaborato in ambito internazionale con vari artisti come:

Damien Rice, per il quale è stato open act e con cui ha duettato durante il suo primo concerto a Napoli il 14-05-2017, replicando poi il 19-07-2018 al belvedere di S.Leucio (CE) e il 19-08-2018 al People Festival di Berlino;

Jonathan Wilson, già produttore di Father John Misty e chitarrista di Roger Waters, per il quale è stato open act nella data romana del suo tour 2018;

Johnny Rayge, con il quale ha realizzato un mini tour di 11 date in Italia nel 2014;

Barzin nella data napoletana del suo ultimo tour europeo nel 2016;

Inoltre ha lavorato con Birgir Birgisson, storico fonico e produttore di Sigur Ros, Bjork e non solo.

 

Blindur, negli anni, è stato anche gruppo spalla nei concerti di numerosi artisti italiani come: Niccolò Fabi, Cristina Donà, Tre allegri ragazzi morti, Dellera, Management Del Dolore Post Operatorio, Riccardo Sinigallia, Dimartino, Giorgio Canali e Rossofuoco, Cristiano Godano (Marlene Kuntz), Il disordine delle cose, Iosonouncane, Il Pan Del Diavolo, Dente, Cesare Basile, Nobraino, Bandabardò, Sick Tamburo, Calcutta, Zen Circus, Giovanni Truppi, Perturbazione.

 

“Foto di classe” – Video ufficiale

https://www.youtube.com/watch?v=RZa3tBEnFfs

“Aftershock” – Video ufficiale

https://www.youtube.com/watch?v=d38NPJUTRek

 

Facebook: https://www.facebook.com/Blindur

Spotify: https://open.spotify.com/user/…/1QTScTIBJeqaVvjRSpb7Nd

YouTube: https://www.youtube.com/user/blindurofficial

Instagram: https://www.instagram.com/blindurofficial

Twitter:  https://twitter.com/blindurofficial

Share.

Comments are closed.