[social] [social_icon link="/?feed=rss2" title="RSS" type="rss" /] [social_icon link="http://facebook.com/lostingroovemag" title="Facebook" type="facebook" /] [social_icon link="http://twitter.com/lostingroove" title="Twitter" type="twitter" /] [social_icon link="http://plus.google.com/113020370236331355022" title="Google+" type="google-plus" /] [/social]

Festival Life – Interview with Barry Spooren (“Le Guess Who?”)

0

Hello, my name’s Teresa and it’s a pleasure to interview you for our webzine Lost In Groove.
1. How did you start LGW and how many people were and are involved in the making of the project? When did it happen?
This year will mark the 12th edition of Le Guess Who?, so it originated in 2007. The festival was founded by my colleagues Johan Gijsen and Bob van Heur; Johan worked as a promoter at Utrechts Tivoli venue at that time, and Bob at Belmont, a booking agency in The Netherlands. Both felt the urge to present a certain type of music (with a focus on Canadian indie bands at that time) that wasnt yet represented elsewhere in The Netherlands. When the festival started, it was basically one evening, one venue, and around ten bands.
Throughout the years, that focus of representing artists that arent yet widely represented has remained a steady focus. Only now, our focus has become much wider, and we present sounds and genres from all across the globe, during a four-day festival with over 150 artists performing in around 25 venues throughout the city of Utrecht.

2. I’ve also noticed that LGW, of course, is related to a great musical experience. Otherwise there are cultural, social and other key topics which take part of our contemporary world. What would you like to transmit to the audience? Does it work?

Our main goal is to inspire people with new sounds. We honestly believe that a lot of times, people like a lot more music than they might expect, so its up to us to offer them new musical experiences. An interesting example of what I mean was our 24-Hour Dronefest in 2014. As part of Le Guess Who?, we organized an event with 24 hours of non-stop drone music. Some people came from abroad to experience the 24 hours in full, some people just came to take a look because they were curious what it was. And some of those people couldnt get into the music at all, but there were also people who told they didnt know this type of music existed, but that it had a profound and really emotional effect on them. Its exactly those types of responses that make it all worthwhile.
And youre right of course; there are more topics we like to address through our programming. We dont actively promote our festival by explaining those topics, as we feel its more valuable if the audience discovers them through the program themselves. So, we mostly address these topics by telling the artists stories, and their backgrounds and ideas behind the music. Having a Future Feminism performance at the festival, for example, might give a good idea about one of the topics we feel necessary to address, but there are lots more to discover going through the artist biographies on our website or in our program guide.

3. How\Why did you choose too many different artists for this year’s line-up? And how did you find your curators and where the curators’idea came from the first time?

Its funny, because we tell ourselves that well do less next year, but we end with more artists every year actually. We just cant help ourselves I think. Theres just so much good music out there that deserves to be heard.
In terms of the curators: most of the time its either an artist that weve been developing a relationship with for several years, or an artist that we feel can make a good contribution to our program, because he or she is embedded in a certain genre in an interesting way. One of the important things for us in terms of a curatorship, is that the artist should be able to present several genres or sounds as a coherent story, so its shouldnt depend on one certain genre only. We try to challenge the curators to go deep, and to come up with unexpected artists, to give a new insight in their personal interests and influences. So that in that way, again, we can lead the audience to new sounds. And for me, interesting is also that the newer, more upcoming artists have the opportunity to present themselves with the mark of approval from a certain curator, which is very valuable as well.

4. Let’s talking about “numbers”. How many clubs, artists and people are involved?

So, if were talking about the official program of the festival, its 22 venues, around 160 artists, and a team of 12 people (this is excluding the production staff during the festival, and around 100 volunteers during the festival). Then theres all the satellite events during Le Guess Who?, like Lombok Festival, the spin-off festival Le Mini Who?, a film and visual arts program; for these, we use an additional 30 venues, and present an additional 60 performances/screenings/exhibitions.

5. What do you expect from the audience?

Its an interesting question. I really appreciate the fact that more and more, we actually see people coming to Le Guess Who? to discover new music. They dont only come for the artists that they already know, but also for the acts that they havent heard of yet. So, this means that theres a very like-minded spirit among the audience, and theres a genuine interest in, and respect for, whats happening on the stage.
With our communication we try to add to that: to share the stories from the newer or lesser-known acts, and to help them find their audience. And then with our time schedule we sometimes like to make some unexpected choices, for example to bring a jazz performance to a club setting, or to bring an Indian classical music pioneer like Kadri Gopalnath (whos performing this year, and is one of the favorite saxophone players of our curator Shabaka Hutchings) to our biggest pop venue, because we believe he and his music deserve it.

6. What are your future goals for LGW?

There are a lot of dreams and ideas of course. But I think important for us is that, now that we are pretty much at maximum capacity with the festival, we have chosen not to grow any further in terms of audience, or try to make the festival even bigger. It’s nice the way it is at the moment, and we want to keep some of that intimate character the festival has at the moment. So, our goal is not necessarily to expand in this way.
When we look at the future, we are really more interested in growing artistically: to further develop our curated programs we host each year, and to offer more special projects and one-time, unique collaborations between artists at the festival. We’re starting this year already: Ryley Walker will do a special collaboration with Japanese psychedelic group Kikagaku Moyo; renowned Indian sitar player Anosuhka Shankar will perform together with a 27-member string section of the Metropole Orchestra and Austrian Hang-player and Björk collaborator Manu Delago; and hip hop poet Saul Williams will do a one-time performance with producer/DJ King Britt. So, focusing on these types of things is quite exciting actually, especially when we think (dream) about what more we could in the future.

7. Are there any special memories that you want to share with us?

One of my dearest memories from last year was the fact that we had Mary Margaret O’Hara perform at the festival. I have been a fan of her music for a long time, and I truly hadn’t expected to ever be able to see her perform live, anywhere. When our curator Perfume Genius mentioned her for his program, we all just thought: ‘that’s a really nice idea, but it’s probably never going to happen’. We tried anyway of course, and had no luck with finding a contact for her for weeks. Eventually, via-via, we managed to send her a message, but then again: no response. In the end, it turned out she just doesn’t use email a lot, but when she finally did, she replied that she’d be happy to be a part of it all.
Besides stories like these, of which there are many more, I’m just really happy to discover so much new music myself every day through Le Guess Who?. Some of the artists performing this year I hadn’t heard of before, but have become personal favorites over the last months, like Paddy Steer’s incredible one-man show for example, or Alabaster DePlume with a beautiful blend of spoken word, jazz and folk, or South Africa’s BCUC, with what they describe themselves as ‘Afropsychedelia’. Really, you should look them up, they’re incredible.

——————————————————————————————————————————————————

1. Come ha avuto inizio “Le Guess Who?” e quante persone erano\sono state coinvolte nella realizzazione di questo progetto? Quando è successo?
Il 2018 segnerà la dodicesima edizione di Le Guess Who?, quindi il progetto è nato nel 2007. Il festival è stato fondato dai miei colleghi Johan Gijsen e Bob van Heur: Johan, in quel periodo, lavorava come promoter presso il Tivoli di Utrecht; mentre Bob lavorava presso Belmont, un’agenzia di booking dei Paesi Bassi. Entrambi sentirono l’impulso di proporre un certo tipo di musica (con attenzione particolare alle band indie canadesi dell’epoca) che non era ancora rpresente in Olanda. All’inizio del festival, era fondamentalmente avere disponibili una sera, una sede e una decina di gruppi.
Nel corso degli anni, l’obiettivo di rappresentare artisti non ancora ampiamente conosciuti è rimasto un punto fermo. Solo ora, il nostro obiettivo è diventato molto più ampio e presentiamo suoni e generi provenienti da tutto il mondo: l’edizione 2018 di Le Guess Who? comprende quattro giorni di festival con oltre 150 artisti che si esibiscono in circa 25 venue sparse in tutta la città di Utrecht.

2. Ho notato che il LGW?, ovviamente, è legato a una grande esperienza musicale. Contemporanemente, però, è un festival che tratta anche di tematiche culturali, sociali e altri argomenti chiave che fanno parte del nostro mondo contemporaneo. Cosa ti piacerebbe e vorresti trasmettere al pubblico? Funziona?
Il nostro obiettivo principale è ispirare le persone con nuovi suoni. Crediamo sinceramente che molte volte le persone amano molta più musica di quanto potrebbero aspettarsi, quindi sta a noi offrire loro nuove esperienze musicali. Un esempio di ciò a cui mi riferisco è il nostro Dronefest di 24 ore nel 2014, organizzando un evento con 24 ore di musica non-stop.
Alcune persone sono venute dall’estero per provare questa nuova esperienza; altre sono venute giusto a dare un’occhiata poiché erano curiose; altre ancora non sono riuscite a comprendere il nostro messaggio; infine, abbiamo incontrato gente che non credeva nemmeno che questo tipo di musica esistesse, ma che questa aveva avuto un effetto profondo e molto emotivo su di loro.
Per quanto riguarda l’ultimo caso, è esattamente il tipo di risposta che rende tutto più interessante e utile al Festival.

E hai ragione, certo: ci sono più argomenti che ci piace affrontare attraverso la nostra programmazione. Non promuoviamo attivamente il nostro festival spiegando questi argomenti, poiché riteniamo che sia più prezioso se il pubblico li scopra attraverso il programma stesso. Quindi, per lo più affrontiamo queste tematiche raccontando le storie degli artisti, i loro retroscena e le loro idee dietro la musica. Avere una performance di Future Feminism al festival, ad esempio, potrebbe dare una buona idea su uno degli argomenti che riteniamo necessari da affrontare, ma ci sono ancora molte cose da scoprire attraverso le biografie dell’artista sul nostro sito web o nella nostra guida ai programmi.

3. Perché e per quale motivo avete scelto tutti questi artisti, così diversi tra loro, per la line-up di quest’anno? E come hai trovato coloro che si occupano del Festival\da dove viene l’idea?
È divertente, perché ci diciamo che faremo meno l’anno prossimo, ma in realtà finiamo con più artisti ogni anno. Non possiamo aiutarci, penso. C’è così tanta buona musica là fuori che merita di essere ascoltata.
Per quanto riguarda gli editor e i curatori del festival: il più delle volte è un artista con cui abbiamo sviluppato un rapporto per diversi anni, o un personaggio che riteniamo possa dare un contributo positivo al nostro programma, perché è incorporato in un certo genere in un modo interessante. Una delle cose importanti per noi è che l’artista dovrebbe essere in grado di presentare suoni o generi differenti come una storia coerente, quindi non dovrebbe dipendere solo da un determinato genere. Cerchiamo di sfidare i suddetti ad andare in profondità, a inventare un programma inaspettato, a dare una nuova visione dei loro interessi e influenze personali: in questo modo, di nuovo, possiamo portare il pubblico a nuovi suoni. E per me, è interessante anche il fatto che gli artisti più recenti e più imminenti abbiano l’opportunità di presentarsi, sostenuti da uno di questi curatori: per loro è un contributo prezioso.

4. Parliamo di “numeri”: quanti club, artisti e persone sono coinvolte in quest’edizione di Le Guess Who?Allora, se stiamo parlando del programma ufficiale del festival: si tratta di 22 venue, circa 160 artisti e un team di 12 persone (questo esclude lo staff di produzione durante il festival e circa 100 volontaril). Poi ci sono eventi paralleli, come il Lombok Festival e lo spin-off Le Mini Who ?, un programma di film e arti visive; per questi, utilizziamo altri 30 luoghi e presentiamo altre 60 esibizioni / proiezioni / esibizioni.

5. Cosa ti aspetti dal pubblico?
È una domanda interessante.
Apprezzo molto il fatto che sempre più persone vengano a Le Guess Who? per scoprire nuova musica; tuttavia, il pubblico non viene unicamente per gli artisti che già conosce, ma anche per le esibizioni di coloro cui non hanno ancora sentito parlare. Quindi, questo significa che c’è un genuino interesse e rispetto per ciò che sta accadendo sul palco e per gli artisti su di esso.
Oltre a questo nostro intento nel far conoscere nuove band, cerchiamo di condividere le storie degli artisti più o meno noti, in modo da aiutarli a trovare il loro pubblico. Inoltre, grazie al nostro programma, ci piace fare alcune scelte inaspettate, ad esempio per portare una performance jazz in un ambiente da club, o portare un pioniere della musica classica indiana come Kadri Gopalnath (che si esibisce quest’anno, ed è uno dei sassofonisti preferiti  del nostro curatore Shabaka Hutchings) sul palco della venue pop più grande:  crediamo che questi e la sua musica lo meritino.

6. Quali sono gli obiettivi futuri per LGW?
Ci sono molti sogni e idee, naturalmente: ma penso che per noi sia importante, ora che siamo al massimo della capacità con il festival, di non crescere ulteriormente in termini di pubblico, o di provare a rendere il festival ancora più grande. È bello così com’è in questo momento, e vogliamo mantenere un po’ di quel carattere intimo che ha il festival al momento.Il nostro obiettivo, quindi, non è necessariamente quello di espandersi.
Quando guardiamo al futuro, siamo davvero più interessati a crescere artisticamente, a sviluppare ulteriormente i nostri programmi curati che ospitiamo ogni anno e ad offrire progetti più speciali o collaborazioni uniche tra artisti al festival. Stiamo già iniziando quest’anno: Ryley Walker collaborerà in modo speciale con il gruppo psichedelico giapponese Kikagaku Moyo; il famoso suonatore di sitar indiano Anosuhka Shankar si esibirà insieme a una sezione di archi di 27 membri della Metropole Orchestra e col collaboratore austriaco Hang-player e Björk Manu Delago; il poeta hip hop Saul Williams farà una performance unica con il produttore / DJ King Britt. Quindi, concentrarsi su questi tipi di cose è davvero eccitante, specialmente quando pensiamo (sogniamo) a cosa potremmo fare in futuro.

7. Ci sono ricordi speciali che vuoi condividere con noi?
Uno dei miei ricordi più cari dello scorso anno è stato il fatto che Mary Margaret O’Hara si è esibita al festival. Sono stato un fan della sua musica per molto tempo e non mi sarei mai aspettato di vederla esibirsi dal vivo, da nessuna parte. Quando il nostro curatore Perfume Genius l’ha menzionata per il suo programma, abbiamo pensato tutti: ‘questa è davvero una bella idea, ma probabilmente non accadrà mai’. Abbiamo provato comunqu anche se non ho avuto fortuna a trovare un contatto per lei subito. Alla fine, piano piano, siamo riusciti a mandarle un messaggio, ma poi di nuovo: nessuna risposta. Alla fine, è risultato che lei non usa molto l’email, ma quando finalmente l’ha fatto, ha risposto che sarebbe stata felice di far parte della nostra line-up.
Oltre a storie come queste,  ce ne sono molte altre. Sono davvero felice di scoprire così tanta nuova musica ogni giorno attraverso Le Guess Who?; di alcuni artisti che si esibiranno quest’anno, infatti, non ne avevo mai sentito parlare, ma, in questi ultimi mesi, sono diventati tra i miei preferiti; ad esempio: l’incredibile Paddy Steer;  Alabaster DePlume con una bella miscela di parole, jazz e folk; BCUC del Sudafrica, che si descrivono come “Afropsychedelia” (questi ultimi dovresti cercarli: sono incredibili).

Share.

About Author

Comments are closed.