Fidarsi è bene, lo Stato Sociale è meglio. Sherwood, Padova, 04.07.2018

0

Lo Stato Sociale abbandona i formalismi di Sanremo, le luci della ribalta della televisione nazionale e torna a calcare i palcoscenici d’Italia con “Una vita in vacanza tour”.

Allo Sherwood Festival i cinque scapestrati bolognesi ormai sono di casa, ma il pensiero che aleggia prima del concerto è soltanto uno : “ Quanto saranno cambiati? Avranno perso la loro genuinità? Ma soprattutto se lo saranno portato dietro Beppe Vessicchio?”. Il loro pubblico certamente è cambiato, non mancano le ragazzine appostate sotto il palco e gli amanti del genere (che apprezzano la deriva pop della band) ma emergono anche giovanissimi e famiglie, creando un pubblico così eterogeneo che difficilmente si trova normalmente ai concerti.

Con molti dubbi e aspettative, partivo forse leggermente prevenuta sul concerto ma è bastato il loro ingresso sul palco per farmi ricredere. Quello a cui abbiamo assistito non è stato un semplice concerto, ma una maratona di due ore, strutturata, scenografica e capace di coinvolgere e regalare continue sorprese. Attraverso una scaletta che viaggia dalle origini ai più recenti successi, lo Stato Sociale ha costruito un live pirotecnico dove, seppur non sono mancati piccoli errori, ogni elemento del gruppo è riuscito a dare il meglio; ma l’intero show si è giocato sulla la dualità fra Lodo, il re della festa che interagisce, aizza e si getta sulla folla e Checco, anima romantica che esprime la parte piú dolce dello Stato Sociale.

Impossibile non paragonare questa esperienza al primo concerto dello Stato Sociale che ho visto, era uno dei primi tour, il primo (bellissimo) cd da promuovere, la serata in apertura agli Offlaga Disco Pax, e la scena indie che era ancora un fenomeno quasi di nicchia. E così come l’indie oggi si é evoluto, ha assunto mille varianti e diramazioni ed é diventato famoso, lo Stato Sociale é diventato grande ed é cresciuto con il genere diventando un fenomeno pop.

Bravi ragazzi, bruciare sempre spegnersi mai!

 

Share.

About Author

Comments are closed.