CULT OF MAGIC: l’EP d’esordio “:O” sui digital store

0
CULT OF MAGIC
L’EP d’esordio “:O” su tutti i digital store

        

Guarda e condividi il video di “:O”
Guarda e condividi il video di “Molotov”

L’Opera n.0
L’EP :O è l’opera zero del collettivo Cult Of Magic, la premessa necessaria al percorso di ricerca in atto: esso racconta attraverso i temi della guerra, della religione rivelata e del culto della monogamia la totale inaderenza del soggetto alla realtà circostante, che non solo è “iactatus” in un mondo di fenomeni alieni o ostili, ma anche privato del potere creatore del linguaggio. Un soggetto il cui universo emotivo può essere espresso solo attraverso i canali preposti dal senso comune: per questa ragione un lavoro di estrema cupezza porta come titolo :O , sintetica trasposizione in linguaggio emoji della situazione descritta. La narrazione di :O prende forma non in un futuro ma in un presente distopico, nel quale l’unica via di fuga è rappresentata dal culto dell’Irrazionale e l’unico rifugio dalla pratica delle Arti Magiche.

Track by track
Molotov
Molotov racconta l’esperienza della guerra non tanto come manifestazione esteriore, quanto come esperienza interiore, pertanto estremamente umana: in Molotov il conflitto non scaturisce dall’incolmabile divergenza in atto fra due soggetti diversi, ma dal disequilibrio presente all’interno di un unico individuo, nel rapporto fra il suo universo intimista e quello esteriore e fenomenologico.

Superstiti
Se Molotov descrive il conflitto, il brano successivo interpreta la proverbiale quiete dopo la tempesta. Ora appare più esplicita la natura dello scompenso che ha generato il conflitto, descritto qui attraverso l’espediente narrativo dell’altruismo, dell’ottica sacrificale di biblica memoria: questo brano descrive la stasi a strappo avvenuto attraverso una sorta di retrospettiva, un flashback narrativo e storico che ripercorre il progressivo distanziarsi della realtà umana dal modello ontologico proposto dalle dottrine fideistiche.

Abbiamo Perso La Guerra
Abbiamo Perso la Guerra rappresenta la rottura, la fine di un ideale “lato A” dell’EP, la fine della retrospettiva storica dedicata al tema della guerra e la disposizione ad accogliere il germe della novità. La rottura non viene descritta attraverso la negazione del percorso storico precedente, ma attraverso la sua rimediazione (anche sonora): un loop vocale figlio delle regole armoniche occidentali viene accostato al Proclama della Vittoria del Generale Diaz creando un suggestivo chiasmo estetico e contenutistico, che rappresenta la sintesi ideale del discorso svolto finora.

:O
:O è l’inizio del nuovo corso, e, finita la retrospettiva, concentra la sua narrazione sul presente dell’individuo. Il processo utilizzato non è descrittivo ma metaforico: l’inaderenza del soggetto alla realtà fenomenologia circostante viene pertanto descritta con la più atavica delle antitesi, ancora una volta attraverso la rimediazione della tradizione narrativa passata. Il testo è tratto dalle Lettere di San Paolo ai Corinzi, 1, 13.

Betty
Il brano conclusivo rappresenta il punto di quiete del lavoro, e descrive l’atto d’amore post conflittuale e iper individualista come unica strada percorribile dal soggetto presentato. In una ballata grottesca e distorta il registro stilnovista si confonde a quello del limerick, in una ballata che coniuga l’idea più classica di amore con il seme di un altro amore, spirituale e a fideistico, assolutamente contemporaneo e irrazionale: quello delle Arti Magiche.

Crediti
Registrato e missato da Giacomo Zambelloni presso Everybody On The Shore, masterizzato da Maurizio Gimnoti presso Newmastering Studios

Tracklist
1. Molotov
2. Superstiti
3. Abbiamo Perso La Guerra
4. :O
5. Betty

CULT OF MAGIC
Milano // Indie-Rock, Psichedelia

 

Cult of Magic è un collettivo di ricerca e sperimentazione in ambito musicale, teatrale, figurativo e spirituale. Più che intorno ad una cifra stilistica definita il lavoro del collettivo si svolge circa un ambito di ricerca ben identificato, che definisce le modalità di svolgimento del lavoro: decretata la crisi del positivismo, Cult of Magic si propone di ricercare nuove forme di catarsi attraverso la propria produzione artistica. Interrogandosi oltre il positivismo, l’uomo cerca le sue risposte oltre il razionale: è seguendo questa idea che Cult of Magic colloca il proprio ambito di ricerca lontano da ogni logica produttiva, non solo da un punto di vista strettamente commerciale, ma anche in senso artistico – il percorso svolto non è pertanto teso verso il punto di arrivo costituito dall’opera, ma circolare e ricorsivo: l’opera è pertanto solo la sintesi del lavoro svolto dal collettivo. Cult of Magic è un collettivo iperumanista, non è pertanto dato sapere il numero né l’identità dei suoi partecipanti.

Contatti
Facebook
Soundcloud

Share.

About Author

Comments are closed.