Poliça, ‘United Crushers’ è il nuovo album della band synth pop di Minneapolis

0
Si chiama ‘United Crushers’ il nuovo album dei Poliça, appena pubblicato anche in Italia dalla Memphis Industries.

Il quarto lavoro della band di Minneapolis guidata da Channy Leaneagh esprime il disagio di un paesaggio urbano post-industriale disseminato di promesse non mantenute, con un elemento di sfida e il rifiuto di arrendersi (‘Summer Please‘), di protesta sociale verso la brutalità della polizia statunitense (‘Wedding‘) e degli effetti negativi del mercantilismo attuale (‘Melting Block‘).

Oltre a uno statement politico, ‘United Crushers’ è anche un album profondamente personale. Leaneagh ricorda a sè stessa di rimanere saldi di fronte a dubbi e manipolazione (‘Lime Habit‘) supera le dinamiche spesso inquinate dell’industria musicale (‘Baby Sucks‘), riconosce importanti verità di indipendenza (‘Lose You‘) e riflette sulla maternità (‘Someway‘). C’è un filo tematico di isolamento: la paura di essere soli, l’istinto di nascondere il nostro vero io per proteggersi. In tutto questo rimane sempre un senso di sfida e di speranza nella musica, per contrastare tali timori e le ansie.

Sul titolo del disco la Leaneagh afferma:
‘Se si volge lo sguardo in alto quando si guida si vede spesso una scritta ‘United Crushers’ dipinta con lo spray sui lati di ponti, torri d’acqua o edifici abbandonati’, dice di Minneapolis, sua città natale. ‘Sembra che la scritta osservi la città dall’alto e mi ricorda dove siamo veramente e ciò che sta realmente accadendo qui: United States of Dreams Crushed’.
POLIÇA - "Lime Habit" (Official Music Video)

Guarda il video di ‘Lime Habit’, tratto da ‘United Crushers” 

Nati nel 2011 da Channy Leaneagh e dal produttore Ryan Olson (già partner di Justin Vernon/Bon Iver nei Gayngs), dei Poliça fanno parte anche due batteristi (Drew Cristopherson e Ben Ivascu) e il bassista Chris Beirden. Nel 2012 debuttano con ‘Give You The Ghost‘, un album che raccoglie subito il plauso internazionale, ‘un sound da crepacuore e festa‘ per l’americano Rolling Stone e ‘un ammaliante, urgente e magico esordio’ secondo il britannico Q.

Dopo un lungo tour e qualche mese di pausa, nel 2013 arriva ‘Shulamith‘, ‘un disco propulsivo per il dancefloor e da sogno se lo si ascolta in cuffia’ per Entertainment Weekly e che ‘dimostra che la musica pop intelligente ha ancora la capacità di sedurre e incantare’ invece per Mojo. Forte di una lineup compatta e della voce potente di Leaneagh, la band conquista i festival come Coachella e Glastonbury oltre ad esibirsi in tv per il ‘Late with Jimmy Fallon‘ e ‘Later with Jools Holland’.

TRACKLIST

1. Summer Please
2. Lime Habit
3. Someway
4. Wedding
5. Melting Block
6. Top Coat
7. Lately
8. Fish
9. Berlin
10. Baby Sucks
11. Kind
12. Lose You

Share.

About Author

Comments are closed.