[social] [social_icon link="/?feed=rss2" title="RSS" type="rss" /] [social_icon link="http://facebook.com/lostingroovemag" title="Facebook" type="facebook" /] [social_icon link="http://twitter.com/lostingroove" title="Twitter" type="twitter" /] [social_icon link="http://plus.google.com/113020370236331355022" title="Google+" type="google-plus" /] [/social]

Edda in tour

0

VENERDì 8 MAGGIO 2015

ROMA – INIT

VENERDì 22 MAGGIO 2015

TRIESTE – TEATRO MIELA + presentazione libro “Uomini”

 

 

29.05  Piacenza                     Melville Caffè letterario

30.05  Castiglion del lago     PG       Darsena

07.06  Milano                        MiAmi Festival

18.06  Napoli             Bulbart Festival

20.06  Lambrugo      CO       Lambrock festival

02.07  Verona    Radio Popolare Summer festival     + presentazione libro “Uomini”

03.07  Albino BG       Young ‘n Town Festival

18.07  Torano            TE       Indievisibile

19.07  Boville Ernica FR        Boville

 

 

 

Continua il tour “Stavolta Dove Mi Ammazzerai?” di Edda (incentrato sull’album “Stavolta Come Mi Ammazzerai?”, Niegazowana 2014): partito ad ottobre, ha già fatto una quarantina di tappe in giro per l’Italia. I prossimi appuntamenti con il cantautore e chitarrista Edda, assieme ai suoi Furore Uterino (Fabio Capalbo alla batteria, Luca Bossi al basso e tastiere ed il fonico Davide Tessari) sono questo venerdì a Roma (Init) e, dopo una breve pausa, venerdì 22 maggio a Trieste. Da solista, Edda ha suonato a Trieste nel 2010 e nel 2012, ma l’ultima volta che calcò il palco del Teatro Miela fu il 17 novembre 1991 (per la cronaca, la sera dopo dei Nirvana al Teatro Verdi di Muggia, Ts), in uno storico concerto con la sua band, i milanesi Ritmo Tribale.

 

Edda (nome d’arte preso dalla madre) Stefano Rampoldi (classe 1963), è noto per l’intensità e la visceralità delle sue performance vocali. Era così fin dai tormentati anni Ottanta/Novanta, quando militava nella rock band Ritmo Tribale (con cui ha inciso cinque dischi ed un ep). Dal Leoncavallo al primo maggio in piazza a Roma, dai concerti nelle carceri al New York Music Seminar e al Berlin Independence Day, dall’Algeria ad Arezzo Wave: con i Tribali, Edda suonò ovunque, raccogliendo un certo successo e affermandosi come il frontman di una delle band più rappresentative del rock made in Italy. Ma soprattutto piantando semi messi a frutto da molte band che esplosero dopo (un nome su tutti: Afterhours, passati dall’inglese all’italiano sulla scia e sull’esempio dei Tribali).

Nel ‘96 una crisi personale porta Edda ad abbandonare il gruppo e a sparire per 11 anni. Anni fatti di dipendenza dall’eroina, disperati viaggi in India, un amore mai dimenticato per gli hare krishna, e poi una comunità di recupero che dà avvio ad una nuova vita fatta di duro lavoro (operaio pontista) ed isolamento. Tutto raccontato e sviscerato, anni dopo, nelle interviste, nelle canzoni e anche in tv, ospite dalla Bignardi all’Era Glaciale su Rai2. E poi in un libro: “Uomini – i Ritmo Tribale, Edda e la scena musicale milanese” (Elisa Russo, Odoya 2014).

 

In alcune città (Trieste, Verona) il concerto sarà preceduto da una breve presentazione del libro “Uomini” (sempre disponibile in vendita al banchetto di tutte le date del tour).

 

Quella di Edda, dopo gli anni di silenzio, è stata una rinascita, umana e musicale, che agli occhi del pubblico comincia a fine 2007, quando ricompare con dei video casalinghi su YouTube. Si interessa a lui l’etichetta di Vigevano, Niegazowana: da lì parte una folgorante carriera solista, sempre accasato a questa label. La maggior parte dei brani sono composti assieme all’amico, autore e musicista, Walter Somà.

 

2009: esce Semper Biot, debutto solista scarno e lancinante, prodotto da Taketo Gohara (numerosi gli ospiti, tra cui Mauro Pagani al violino). Gridano al capolavoro: Vinicio Capossela e Manuel Agnelli, tra gli altri.

2010: esce l’ep live In Orbita registrato a Radio Capodistria nell’omonima trasmissione dei Russos (tra i pezzi anche la cover di “Suprema” di Moltheni).

2012: esce Odio i vivi, un album denso e ricco dal punto di vista degli arrangiamenti e della sperimentazione, sempre con la produzione di Taketo Gohara. Osannato dalla critica, Blow Up gli dedica una copertina.

28 ottobre 2014: esce Stavolta Come Mi Ammazzerai?, l’album più rock della sua carriera solista. Unanimemente accolto da critica e pubblico come uno dei dischi più belli dell’anno e non solo.

2015: Edda è in tour con i suoi Furore Uterino: un live energico e molto rock, con il classico assetto chitarra, basso, batteria. I concerti sono raccontati attraverso dei diari scritti per ciascuna data dal cantante stesso:

http://edda.net/diario-tour/

 

http://edda.net/

 

 

 

Share.

About Author

Comments are closed.