Album review: Widowspeak- “Plum”

0

Il duo americano Molly Hamilton e Robert Earl Thomas, in arte Widowspeak, ritorneranno sulle scene il prossimo 28 agosto col loro quinto album “Plum” via la label newyorkese Captured Tracks.
La nuova uscita discografica dei Widospeak è stato anticipato da due singoli, ovvero il maestoso e inizialmente molto ’80s Breadwinner 

E la più psichedelica-folk “Money”, grazie alle sonorità di Robert che accresce la voce dolce e delicata di Molly.

“Plum” è un album dal sapore dolce, ma il cui retrogusto è leggermente amarognolo: i Widowspeak si interrogano sul presente, cercano una via di fuga continua attraversando differenti stili musicali e provando a ipnotizzare il proprio pubblico.
La nuova uscita discografica si apre proprio con la traccia omonima dell’album che sottolinea un arrangiamento acustico fresco e atmosferico che fa da cornice alla voce brillante di Molly e continua con atmosfere leggere, sognanti, a tratti meravigliosamente psichedelico, altre volte marcato da quel dream pop con piccoli riferimenti al folk e a un atteggiamento più spensierato (“Even True Love”).
Le sonorità sono dolci, confortanti e rilassanti; mentre l’album scorre velocemente in loop; “Plum” è un album umile e maturo, ma che nasconde un lato molto intimo del duo, forse preoccupato dalla realtà e, soprattutto, dal presente circostante.

Tracklist:

  1. Plum
  2. The Good Ones
  3. Money
  4. Breadwinner
  5. Even True Love
  6. Amy
  7. Sure Thing
  8. Jeanie
  9. Y2K
Share.

About Author

Comments are closed.