Intervista con Sea Wolf

0

Abbiamo raggiunto via skype Alex Church, Sea Wolf circa una decina di giorni fa per parlare del suo disco.

Dopo aver dedicato del tempo a realizzare un film indipendente, ‘Julia Blue’, musicalmente rigenerato, Church torna in studio a Los Angeles. Il risultato è un album profondamente personale, che mette in luce la forza della vulnerabilità e del coraggio di fronte alla paura, espressi attraverso un songwriting potente, toccante e straordinariamente onesto. “I think a recurring theme of all of my albums has been this sense of hope, coming out of a dark place and into a light place” – .

 

‘Fear of Failure’: http://bit.ly/2PP6K4B

‘Forever Nevermore’: http://bit.ly/38tevDE

L’indie-folk californiano di Alex Brown Church, cantautore, chitarrista e mente della band, è pronto a tornare con ‘Through A Dark Wood’, il nuovo album in arrivo il 20 marzo su etichetta Dangerbird/Audioglobe. Un atteso ritorno per Sea Wolf, un disco intimo e personale che arriva a sei anni di distanza dalla precedente pubblicazione.

L’annuncio di ‘Through A Dark Wood’ è stato accompagnato dal video di ‘Fear of Failure’, diretto da Jacob Epstein, dove Alex Church si mostra, dopo sei anni, in una nuova veste, vulnerabile come ogni essere umano, nel profondo del suo essere, è. Ma senza dimenticare la possibilità di connessioni. E’ un brano che, in fondo, rappresenta l’essenza dell’intero disco. Il titolo, racconta Alex, arriva da un particolare momento vissuto durante le registrazioni dell’album: “The title comes from the period of time that I was in when I was making this record — going through this. And I’ve come out of it, and I’m on the other side, which is something that I want to start with. I’m through it”.

‘Through A Dark Wood’ è un album contemplativo che esplora i complessi stati d’animo e le emozioni che gravitano attorno alle relazioni, alle perdite, alla grandezza degli eventi attuali e, non ultimo, la ricerca della speranza nonostante tutto. L’abilità compositiva di Church è avvolta da melodie indie-folk, lussureggianti drum machine ed uno straordinario quartetto d’archi, elementi che riescono contemporaneamente a far avanzare il suono pur mantenendo un senso di familiarità con le melodie che sono il tratto distintivo di Sea Wolf. Dagli inni resilienti e suggestivi di ‘Blood Pact’ e ‘Two Of Us’, agli arrangiamenti ampi ed alle immagini poetiche in ‘Frank O’Hara’ e ‘Back To The Wind’, Sea Wolf mantiene comunque la sua capacità di illustrare con grazia emozioni profonde e complesse.

Catartico e trionfante, ‘Through A Dark Wood’ è un disco decisivo per Sea Wolf, undici tracce che, tra acustica ed elettronica, si presentano come sono: sfacciatamente oneste.

Sin dal debutto con ‘Get To The River Before It Runs to Low’, con la bellissima ‘You’re A Wolf’

(2007), Sea Wolf ha catturato l’attenzione dei più importanti media, da NPR a Rolling Stone, da Pitchfork al New York Times.

Dopo la pubblicazione di ‘Song Spells No. 1: Cedarsmoke’, nel 2014, Alex Church, tornato in studio, ha scritto e registrato un nuovo intero album, per poi decidere di cancellarlo: i brani erano sconnessi tra loro, mancava una linea di fondo.

Share.

Comments are closed.