Intervista telefonica a Gianni Bismark

0

E’ uscito in questi giorni il nuovo disco di Gianni Bismark: “NATI DIVERSI” segna un’evoluzione stilistica e di presa di coscienza rispetto al precedente “RE SENZA CORONA”; alla base c’è il desiderio di addentrarsi in nuovi territori restando naturalmente fedeli a se stessi. “Il titolo del disco – racconta GIANNI BISMARK – è un omaggio a tutte quelle persone che si sentono vere in un mondo troppo spesso oggi fatto di costruzioni e finzione. Viviamo circondati da falsi ben costruiti che si mostrano ogni giorno sui social network in un modo ma che nella vita reale non assomigliano affatto ai personaggi che si sono costruiti”.

Il rapper romano, amato per la sua onestà artistica, prosegue spiegando: “Io voglio parlare, raccontare, scrivere per chi come me si sente diverso da tutta questa finzione, si sente uno come tanti, semplice, onesto. Parlo ai miei fratelli e sorelle, e so che ce ne sono tanti là fuori che rivogliono la verità, nei rapporti, nelle storie, nelle immagini…”.

(intervista telefonica)

“NATI DIVERSI” è composto da 12 brani inediti, questi i dettagli e la scaletta:

  1. “Scherzo rido”                                           prod. G FERRARI
  2. “Nati Diversi”                                           prod. G FERRARI
  3. “Ne hai fatti 100” feat. TEDUA           prod. CHRIS NOLAN
  4. “Poche persone”                                      prod. G FERRARI
  5. “La Strada è Nostra”, feat. GEOLIER prod. SICK LUKE
  6. “Nse Vedemo Mai”                                 prod. ENEMIES
  7. “Mi Sento Vivo” Feat. FRANCO126    prod. G FERRARI
  8. “Quello Vero”                                            prod. 2NDROOF
  9. “Negativi” feat. QUENTIN40               prod. DRONE126
  10. “San Francesco”                                       prod. G FERRARI
  11. “Gianni Nazionale”                                 prod. G FERRARI
  12. “Fateme Santo”                                        prod. G FERRARI

Il primo singolo estratto dall’album è “GIANNI NAZIONALE”, brano che si avvale della produzione di G Ferrari (già al lavoro con Tiziano Menghi nel precedente album “RE SENZA CORONA”) e che è accompagnato da un video girato da Francesco Coppola a Roma, zona Mandrione, dove Pierpaolo Pasolini ambientò alcune scene del suo film “Accattone” (http://www.youtube.com/watch?v=eAkk_VM3Tog).

 

Come per G Ferrari (“Se io sono Gianni Bismark lui non può che essere Gigou” dice Bismark pensando a lui), anche le altre collaborazioni presenti in questo nuovo lavoro rispecchiano la voglia di mettersi in gioco da parte di Gianni: incontri speciali dettati prima di tutto da sincera stima reciproca ma ancora di più da una comune volontà di ricerca e affinità di intenti.

 

Squadra che vince non si cambia e questo è lo spirito su cui si è fondata la rinnovata collaborazione con gli ENEMIES: Da due anni lavoriamo insieme, non sbagliano un colpo. E quando ti campionano Piazza del Popolo per un beat…Squadra che vince non si cambia”.

 

Come Gianni racconta “Si tratta di tracce pensate e scritte tutte in uno stesso periodo seppur ci sono delle differenze tra loro. Insomma, anche loro sono “nate diverse”. Quando Yoshi e Manusso (gli ENEMIES) l’hanno preso in mano sono stati bravi a metterlo a fuoco trovando la giusta alchimia”.

Questo lavoro è frutto di collaborazioni non solo con artisti di Roma ma anche di Napoli (GEOLIER), Genova (TEDUA) e Milano (CHRIS NOLAN).

I Social network hanno giocato un ruolo fondamentale nella collaborazione con GEOLIER: “Con Geolier siamo partiti da Instagram. È lì che abbiamo avuto i primi scambi e da subito l’ho sentito vicino. È stato un confronto naturale sull’asse Roma/Napoli. Entrambi abbiamo voluto raccontare le nostre città in una poesia”.

Parlando degli altri artisti e produttori presenti nell’album Gianni racconta: “Con TEDUA c’è un rispetto che parte da lontano. Ci conosciamo da un po’ di tempo e già in “Re Senza Corona” c’era la voglia di fare un pezzo insieme. Quello che so è che quando mi chiedevano con chi avrei voluto fare un feat. io dicevo Tedua, ci rispettiamo come artisti e come uomini.

Parlando invece di FRANCO126: “Grazie a Franchino “ho iniziato ad alzare la voce” che detto meglio vuol dire che ho iniziato a prendere confidenza con la mia voce e ad aver maggior consapevolezza dei miei mezzi. Ha giocato un ruolo fondamentale per capire in che direzione andare con questo nuovo album e lo ringrazio per questo”.

Il disco fonda le sue radici sull’onesta e la forza dei rapporti umani e ne sono esempi la presenza di QUENTIN40 (“Sento Quentin come un fratellino. Siamo entrati subito in confidenza e quando gli ho proposto il pezzo insieme è stato entusiasta da subito di entrare nel mio disco”), SICK LUKE (“Quando ho iniziato a scrivere è stato uno dei primi a dirmi “Tiziá, la strada è giusta”. Anche grazie a lui oggi sono Gianni Bismark”), DRONE126 (“Ci conosciamo dal giorno zero, abbiamo mangiato la stessa polvere, E ci siamo sempre capiti con uno sguardo”).

È accaduta la magia anche entrando nello studio dei 2nd Roof: “Quando sono entrato nel loro studio (Federico Vaccari e Pietro Miano) la prima volta è stato come quando entri a casa di un parente che non vedevi da tempo, stai subito a casa tua”.

Questo nuovo progetto è nato sotto l’ala protettiva di Bomba Dischi, etichetta che ha iniziato a collaborare come management con Gianni Bismark arricchendo in questo modo il lavoro fatto da Virgin Records e 777 Ent.

Cresciuto nel quartiere Garbatella con una smisurata passione per il calcio e per la Roma (il suo nome d’arte proviene dal nome completo del calciatore Gianni Guigou ovvero Gianni Bismark Guigou Martínez, che militò nella Roma dell’ultimo scudetto) e con le radici ben piantate nella città eterna, GIANNI BISMARK ha pubblicato il suo primo mixtape “Gianni Bismark Mixtape” nel 2015 a cui ha fatto seguito nel 2016 il suo album d’esordio “Sesto Senso”.

Dopo diverse collaborazioni e cambi di rotta nel gennaio 2019 esce “RE SENZA CORONA” (primo lavoro per la Virgin Records/Universal Music Italia), un album non solo legato agli stereotipi della trap e del rap moderno ma che trovava le sue radici nei classici della musica e della tradizione romana.

Questo disco aveva impegnato Tiziano Menghi (questo il suo vero nome) sia dal punto di vista della scrittura che nella creazione di un sound personale, grazie anche all’apporto di G Ferrari, produttore del disco a cui si sono affiancati gli Enemies (produttori anche di Ultimo e Mostro).

L’album di Bismark aveva debuttato nella Top20 dei dischi più venduti in Italia e conteneva collaborazioni con Dark Polo Gang, IZIFranco126, Ntò, Ketama126 e Pretty Solero.

 

Il risultato è stata la nascita di un nuovo esponente della scena Urban capace di mischiare stornelli romani, Franco Califano e Nas.

Dal disco sono stati estratti i singoli “Gianni B”, “PREGIUDICATI” featuring IZI (https://youtu.be/WPCE9BXIfXwe “FOR REAL” Featuring DANI FAIV (https://youtu.be/Eyq53z1btLU).

In questi mesi Gianni Bismark ha continuato a lavorare, come dimostrano i tre freestyle pubblicati su Instagram nell’ultimo mese: “Te racconto na storia” https://www.instagram.com/p/B8tX27co-BC/, “Belli mia” https://www.instagram.com/p/B8_YNJmoE0z/ e il brano che ha anticipato l’uscita dell’album “Gianni Nazionale” https://www.instagram.com/p/B9O3NlAqsQH/.

https://www.facebook.com/giannibismark/

https://www.instagram.com/giannibismark

https://www.youtube.com/channel/UC5JmfHoIbZX06bzkWrNmA5g

Share.

Comments are closed.