Intervista ad Alice Boman a ESNS19

0

Era come se il tempo si fosse fermato… questa era la sensazione che avevo provato quando nel 2014, il mio primo anno a ESNS, ascoltai al Gran Thatre  per la prima volta le canzoni della cantautrice svedese Alice Boman.  Un abbraccio avvolgente. È una Billie Holiday per il 21° secolo, senza il jazz. Con Alice ho avuto la fortuna di rincontrarmi quest’anno e di parlare cosa, principalmente, non è successo in questi anni. E cosa sta capitando adesso in questo suo nuovo inizio:

(english audio)

Le eleganti composizioni da cameretta di Boman hanno catturato cuori e menti in tutto il mondo, e ha suonato oltre 150 spettacoli negli Stati Uniti, nell’UE e in Sud America – il suo tour UE del 2018, tutto esaurito, ha incluso spettacoli a Stoccolma, Copenhagen, Bruxelles, e due notti alla St Pancras Old Church di Londra.
Si è anche guadagnata gli elogi di The Fader, NPR Music, The Guardian, The Line of Best Fit, tra gli altri, oltre a numerose sincronizzazioni televisive e cinematografiche, tra cui quattro canzoni della serie Wanderlust della BBC/Netflix (andata in onda nell’autunno del 2018), oltre a Suits, Being Human, e il lungometraggio Paper Towns. Boman ha anche fatto un’apparizione come ospite nella serie televisiva di successo di Amazon Transparent (lo show ha usato la sua canzone “Waiting” come motivo tematico della seconda stagione).

Share.

Comments are closed.