Interviste: Costiera

1
“Rincorsa”, l’album di debutto di Costiera, è uscito a fine novembre per Futura Dischi. Il trio campano ha da poco iniziato il tour, e la nostra Elisa Gasparoni li ha raggiunti via mail per una chiacchierata sui loro progetti attuali e futuri.

Il vostro album di debutto, “Rincorsa”, è uscito lo scorso novembre e ora lo state portando in giro per tutta l’Italia. Come stanno andando le date?
Molto bene, siamo in tour da pochissimo ma ci stiamo divertendo più di quello che ci saremmo aspettati, il riscontro del pubblico sembra ottimo e stiamo avendo la fortuna di girare dei club storici per la musica in Italia. Non ci possiamo sicuramente lamentare.

A proposito di live: immagino saranno previste diverse date estive; è già stato annunciato il Core Festival a Treviso. Il nostro Paese offre diversi eventi interessanti, c’è qualche festival in particolare a cui vi piacerebbe partecipare?
Beh sicuramente il Mi Ami è uno di quei contesti in cui è un piacere esserci da spettatore, quindi suonarci dev’essere soltanto meglio. Poi qualche anno fa siamo stati tutti insieme al Siren Festival al Vasto, e ci è piaciuto tantissimo come concetto di festival, anche lì ci piacerebbe suonare, idem per lo Ypsigrock, ma potremmo andare avanti a lungo, in generale ci piace essere in contesti in cui chi ci chiami a suonare apprezzi davvero la nostra musica, perché questo ti mette subito in un mood diverso.

Che ne pensate della nuova scena “itpop” e come vi collocate in questo contesto?
Che ci sono cose molto belle, e altre meno, in generale non ci piacciono la serie di cloni che si è creata dopo che i big hanno aperto la scena, ci piace invece il fatto che sia stata aperta una scena, e che intorno a questa si sia creato interesse anche da persone che normalmente ascoltavano altro. Noi in realtà non ci collochiamo molto in questo contesto, cioè senza voler essere snob, ci sentiamo un po’ degli outsider, ma semplicemente perché crediamo che Rincorsa non sia un disco propriamente itpop, però per alcuni lo è, quindi la soluzione alla fine è sempre quella di non perdersi in definizioni e categorie. Ben venga quindi il fermento che c’è, che lo si voglia chiamare indie, itpop o altro, l’importante è che non si perda di sincerità nell’approccio alla musica.

“Rincorsa” è un album che ho amato e ascoltato tantissimo dall’inizio alla fine. C’è qualche pezzo che vi sta particolarmente a cuore? Raccontateci la storia che sta dietro a questo brano.
In realtà ci stanno a cuore tutti, ci abbiamo lavorato tanto dietro ad ogni canzone, ed ad ogni pezzo sono legati dei ricordi particolari, ma forse la canzone che ci smuove di più è Mai stati in Serie A, dato che parla della nostra vita in una piccola città di provincia, è un pezzo che sentiamo visceralmente nostro.

La tematica amorosa, in questo album, mi sembra che sia particolarmente ricorrente. È stata una scelta consapevole?
In realtà no, è una tematica emersa durante la scrittura, anzi è uscita fuori anche molto di più di quello che ci saremmo aspettati. Alla fine anche le storie d’amore che sono raccontate in Rincorsa sono molto diverse da loro, c’è il rapporto finito portato all’esasperazione in Karaoke e Shangai, c’è la scopata e via in Fidati, la voglia di qualcuno in Neanche Immagini, e questa diversità è stata dovuta dal fatto che lavoriamo tutti e 3 sui testi, e al momento della scrittura ci trovavamo in tre stati emotivi totalmente diversi, quindi ognuno ha messo la sua visione.

Quello che apprezzo tanto della vostra musica è che venga data importanza anche ai testi, oltre al sound che risulta interessante e accattivante. Ascoltando la vostra musica, specialmente per il sound, mi viene da pensare a Cosmo. Forse anche per la produzione di Andrea Suriani. Ma voi invece, a quali artisti vi ispirate? E con chi altro vi piacerebbe collaborare?
Per noi il sound e il testo hanno la stessa importanza, teniamo ad ogni singolo arrangiamento così come teniamo ad ogni singola parola. L’accostamento con Cosmo ci viene fatto spesso, a noi lui piace tantissimo, e sicuramente anche Suriani ci ha messo un po’ di quel mood lì, ma i nostri ascolti erano legati molto di più al nu soul, James Blake su tutti, quindi il risultato del disco alla fine è stato un po’ un mix di varie cose, noi abbiamo cercato di prendere le cose internazionali che ci piacevano e portarle in un mondo italiano.
Sicuramente ci piacerebbe fare un feat con un rapper, è un’idea che ci stuzzica un bel po’. Di italiani ci piacerebbe lavorare con Coma Cose, Cosmo e anche Colapesce.

——————————————————————————–

Costiera sono Francesco, Rocco e Alfonso: vengono dalla Campania, terra che di costiere dovrebbe intendersene. Il loro immaginario si divide tra provincia, ricordi di rapporti finiti troppo presto o troppo tardi e foto calpestate: sono questi i contorni in cui si sono inserite in queste mesi ShangaiMai Stati in Serie A Karaoke, le tre canzoni che hanno acceso i riflettori di pubblico e critica sul gruppo. La prima è entrata al secondo posto della Viral50 Italia e nella playlist Indie Italia di Spotify in meno di una settimana, la seconda ha raggiunto i 150mila stream in due mesi ed ha portato i Costiera a essere inseriti nella Just Discovered di MTV della settimana poco dopo la pubblicazione, la terza è destinata a percorrere il successo delle precedenti.
Il debut album racconta nove rincorse di persone e situazioni. Un insieme di storie finite, di altre al capolinea: un amore sportivo fatto di affanni, pit stop e rinascite. La rincorsa è anche quella interiore, fatta di quell’inquietudine che spinge a non prendersi mai una pausa in primis da sé stessi, dell’incapacità di accettare la solitudine senza bisogno di altro o altri. La provincia è così la scenografia perfetta di una pellicola sonora che racconta la suggestione della malinconia e della rincorsa incessante verso qualcosa, spesso, d’indefinito.
“Rincorsa non è un concept album, i pezzi sono usciti in modo spontaneo, senza la volontà di raccontare un sentimento o una storia specifica, solo alla fine ci siamo resi conto che forse stavamo raccontando storie molto simili tra di loro”. (Costiera) 

https://www.instagram.com/costiera____/    ///    https://www.facebook.com/costieramusica/

Share.

About Author