Live Report: Giulio Casale, “Inexorable” tour. Orvettspace, Mussolente (VI), 11 gennaio 2019

0

Inexorable… Inexorable… Inexorable… una voce fuori campo, gelida e allo stesso tempo suadente, annuncia l’inizio del debutto live del nuovo album di Giulio Casale e il suono riecheggia nell’ambiente che abbina sapientemente elementi industriali e vintage. Siamo stati all’Orvettspace di Mussolente, particolare sede per i concerti live in uno speciale evento organizzato da UglyDogs, associazione culturale che si impegna a diffondere l’arte, anche tramite l’organizzazione di eventi con protagonisti di un certo spessore, con sempre un occhio di riguardo verso la sostenibilità. La serata viene guidata e presentata dall’associazione e prevede un piacevole set di apertura degli Zagreb, rock band che si esibisce in un contesto e una situazione diversi dal loro solito, ma allo stesso tempo bellissimi.

La data in questione, comunque, è particolarmente importante, in quanto si tratta del primissimo concerto del tour di Inexorable, ultimo album di Casale, uscito in questi giorni, a molti anni di distanza dal precedente; ed è la prima di una lunga serie di date che lo porterà in giro per tutta l’Italia. Nel caso specifico, sul palco l’artista è accompagnato da Emanuele Alosi (già componente anche degli Stella Maris) alla batteria e da Alessandro Grazian alle chitarre.

Il concerto, seppur frutto dell’esibizione di soli tre elementi, è un concentrato di energia, prodotta, trascinata e guidata dalla voce imponente di Giulio Casale, il quale coinvolge il pubblico non solo con la sua musica, ma anche con la sua importante e consapevole presenza scenica. I movimenti, seppur vicini alla teatralità, non incidono negativamente sulla performance vocale o strumentale; anzi, entrambe si presentano impeccabili, mostrando la grande bravura ed esperienza di questo artista e formando un perfetto connubio.

Nella scaletta c’è spazio certamente in primo luogo per i pezzi nuovi, ma non manca anche qualche riferimento agli Estra, per la gioia sia dei fan di vecchia data, sia dei nuovi. Questo perché anche le canzoni meno recenti risultano ancora attuali sia per il testo, sia per il sound. In effetti, in questo artista convivono perfettamente una componente d’avanguardia e un animo classico, due elementi che arricchiscono e impreziosiscono la sua arte. Se vogliamo trovare una similitudine, questi aggettivi si possono abbinare anche all’ambiente che ospita il concerto, un vecchio magazzino allestito a sala per eventi e concerti. Emozionante è anche l’omaggio a David Bowie con la canzone Life On Mars, interpretata con l’intensità che caratterizza il canto dell’artista per tutta quanta l’esibizione della serata.

Casale, acclamato dal pubblico, offre anche un bis che si chiude con il brano Tutto cadeva, interpretato con straordinario vigore. E si conclude così, esattamente come era iniziata, una serata importante che lascia tutti con una sensazione di positività e soddisfazione, nella consapevolezza di quanto sia importante valorizzare eventi di tal portata e apprezzare la musica di un artista di classe come lo è Giulio Casale.

testo e foto di Elisa Gasparoni

SCALETTA

INTRO
TUTTO CADEVA
SONO CORPO
COSCIENZA C
SCOLORANDO BICE
VIENI
ROGER TRIP ADVICE
LIFE ON MARS?
SENZA DIREZIONE
VELENO CHE RESTA
AMMIRARTI INFINITA
SOLTANTO UN VIDEO
UN GIORNO STORICO
APRITEMI
NON CANTO
RESTO IO

BIS
LE NOSTRE P.M.I.
TUTTO CADEVA

Share.

About Author

Comments are closed.