Recensioni: I dont know how but they found me, ovvero quando è la musica a trovarti

0

Quando si tratta di nuove scoperte musicali, non si sa mai come queste possano avvenire. Per quanto riguarda gli I dont know how but they found me è proprio il caso di dire: nomen omen. Stavo ascoltando dei brani su YouTube ed ecco che fra i suggerimenti mi è comparso un brano di questo progetto americano dal nome davvero curioso.

Il brano in questione era Do It All The Time (link YouTube), pezzo dalle sonorità vintage e allo stesso tempo attuali. Il video, senza alcun dubbio, ricorda gli anni Ottanta, sia per i colori, sia per l’abbigliamento utilizzato dai componenti degli IDKHOW (così si fanno chiamare, giustamente in modo abbreviato). L’imprinting ricorda sicuramente un po’ i We Are Scientists o i Franz Ferdinand, ma con anche un certo distacco. Più esplicita, in questo singolare duo americano, è la componente nostalgica e rétro.

Cercando di capirci meglio, approfondisco la questione e scopro che la band, o per meglio dire, il duo, ha all’attivo un solo EP dal titolo emblematico: 1981 Extended Play che comprende sei tracce, tra le quali una singolare introduzione parlata. La voce degli IDKHOW è quella di Dallon Weekes, già membro dei Panic! At The Disco; l’altro componente è Ryan Seaman (ex Falling in Reverse).

Per ora le notizie su questo progetto sono minime, ma il nostro consiglio è di tenerli d’occhio, seguendo anche la loro Pagina Facebook. Le date, al momento, sono solo in America, ma chissà che prima o poi gli IDKHOW riescano a passare anche per il nostro Bel Paese.

Elisa Gasparoni

f11e6b85dff929b4a7a3bd8d2093bd40.1000x1000x1

EP TRACKLIST

Introduction
Choke
Social Climb
Bleed Magic
Absinthe
Do it all the time

Share.

About Author

Comments are closed.