Liede, il disco d’esordio “Stare Bravi”

0

presenta
LIEDE
Esce il disco d’esordio “Stare Bravi”.
Disponibile in tutti i digital store.

        

Dopo esser stato in esclusiva su Rockol, esce oggi ufficialmente per Costello’s Records “Stare Bravi”, il disco d’esordio di LIEDE, progetto indie-pop del giovanissimo torinese Francesco Roccati, nuova promessa del panorama indipendente nazionale.

Queste le prime date di presentazione annunciate:
28.10.2016 – Spaziomusica (Pavia) w/ L’officina della camomilla
11.11.2016 – Cap10100 (Torino) w/ Niccolò Carnesi
12.11.2016 – 8 Bit (Montelupo Fiorentino)
18.11.2016 – Officine Corsare (Torino) w/ Verano
16.12.2016 – Linoleum (Milano) w/ Giungla
13.01.2017 – Na’ Cosetta (Roma)

Calendario in aggiornamento

Guarda e condividi il video del singolo “Sorridendo”

“Nove canzoni, per molti meno stati d’animo, uno o due al massimo.
Verrebbe da dire ansia e amore, a esser onesti, se solo non suonassero così melensi e telefonati messi uno a fianco all’altro. Ma tant’è.
Se questo disco avesse un odore, sarebbe quello dei bar di Vanchiglia e dei club di Sansalvario (quartieri Torinesi, ndr), dove il tempo passa veloce, senza che importi a nessuno, e gli eccessi, banali e canonizzati, fiaccano i muscoli.
Se avesse un battito cardiaco, andrebbe in sync con quello di chi cerca la Corsica dal limite estremo della Riviera di Ponente, dove l’Italia diventa Francia, dove son stati scritti i primi testi e sotterrati i ricordi più importanti.
Stare Bravi sottintende un “noi dobbiamo”, e un “non riusciamo a”, che sono in definitiva la somma dei capricci di ragazzi che cedono troppo spesso al fascino irresistibile del fare la cosa sbagliata al momento giusto.
Poi si può sempre far finta di niente, far spallucce, con la consapevolezza che sorridendo passa tutto.
Non è richiesta sincerità nel sorriso, chi mai potrebbe chiedere tanto, ma almeno elegante consapevolezza.
In Stare Bravi c’è il peso delle occhiaie, la nostalgia per l’amore donato, ricevuto e mai capito, e il desiderio frenetico per le cose che ci si è appena lasciati sfuggire di mano.”

Liede è il nome d’arte di Francesco Roccati. “Stare Bravi” il suo disco d’esordio.
Musica e testi di Francesco Roccati e Vladimiro Orengo.
Registrato qua e là, tra i misteri del Canavese e quelli ben più temibili di Torino.
Mixato da Vladimiro Orengo e Marco “Cipo” Calliari al “Gulp Recording Studio” di Torino (TO).
Masterizzato da Giovanni Versari a “La Maestà” di Tredozio (FC).
Copertina di Andrea Dutto.
Hanno suonato: Vladimiro Orengo, Mattia Martino e Eugenio “Gege” Odasso.
2016 Costello’s Records.

LIEDE
[Indie-pop, Torino]

“Liede non significa niente.
Lied è una parola tedesca, che sta per “canzone”, “romanza”.
Ma l’ho scoperto dopo.
Liede è il nome di un fiume olandese e di una fermata della metro (o addirittura un quartiere?) di Guangzhou, città della Cina più nota come Canton.
E anche questo l’ho scoperto dopo.
A me Liede ricorda due opposti: leader, che non mi appartiene affatto, e lieve, aggettivo col quale mi ritrovo ben più a mio agio. Liede sono io, e scrivo e canto canzoni.”

Liede (Francesco Roccati, 27, Torino).
Nel 2015 trova bozze di testi in lingua italiana scritti da sé medesimo durante gli anni precedenti, anni in cui capeggia un fallimentare ma amabile – soprattutto, da lui, amatissimo – gruppo indie-rock di ispirazioni anglofone, e si autoproclama ipso facto cantautore.
Visto che i suoi più cari amici non lo invitano a desistere, lui non desiste e dedica anima e corpo a cercare di portare avanti questo suo mestiere.
Attualmente gli bolle nel laptop l’album d’esordio, anticipato dai singoli “Sono Sommerso” e “Finte Intellettuali”.
Contatti
Facebook
Soundcloud

Share.

About Author

Comments are closed.