The Chanfrughen: Belize, il primo singolo del nuovo album

0
THE CHANFRUGHEN
“SHAH MAT”
Ascolta/Guarda il video del primo singolo
“BELIZE”

LINK

Il videoclip anticipa l’uscita per Molecole Produzioni del secondo lavoro del trio ligure prevista per il 29 gennaio. Presentazione live il 28 gennaio al Teatro Altrove di Genova

Belize” è il video che accompagna il primo singolo di “Shah Mat”, il nuovo disco di The Chanfrughen in uscita il 29 gennaio 2016. La seconda fatica del trio ligure verrà presentata con un release party giovedì 28 gennaio al Teatro Altrove di Genova, prima data di un tour in collaborazione con Molecole Produzioni che vedrà The Chanfrughen girare in lungo e in largo la penisola. Ecco le prime date programmate:

17 Gennaio – Pantagruel, Casale Monferrato
22 Gennaio – Da Bacchus, La Spezia
28 Gennaio – Teatro Altrove , Genova / Release Party
6 Febbraio – Bar Sirò, Laigueglia (SV)
12 Febbraio – Il Paniere, Crema (CR)
15 Febbraio – Live Radio Riserva Indie, Massa Carrara
19 Febbraio – Beautiful Loser, Genova
20 Febbraio – Joe Koala, Osio Sopra (BG)
27 Marzo – Giardini Luzzati, Genova
28 Marzo – Reasonanz, Loreto (AN)
31 Marzo – Marla, Perugia
1 Aprile – Ferro 3.0, Salerno

Il clip di “Belize” – disponibile su YouTube – è stato realizzato dal videomaker Samuele Wurtz per Laboratorioprobabile Bellamy ed è stato girato in tre diverse location: il Parco naturale del Beigua, il Teatro Altrove di Genova e la spiaggia di Bergeggi (SV). Tre ambienti nei quali si svolge un viaggio simbolico e destabilizzante che fa da completamento visuale ad un brano carico di psichedelia e esotismo.

Il Belize della canzone è infatti proprio lo stato del Centroamerica, visto come una promessa di bellezza e disordine, una terra carica di malinconie e sensualità. La stessa che uno dei protagonisti del video (il Conquistador) insegue in un bosco denso di illusioni e situazioni enigmatiche, mentre altri personaggi di potere giocano un’oscura partita a carte. Il tutto in un’isola magica dove le persone cambiano e la verità si nasconde per svelarsi tra le pieghe di accadimenti improbabili.

Belize” è insomma un videoclip dalle mille sfaccettature che unisce atmosfere oniriche, visionarietà, grottesco e poesia in un “viaggio – raccontano The Chanfrughen molto surreale, dove l’America rappresenta la terra vergine da conquistare ma anche una donna a cui è impossibile resistere, costi quel che costi”.

unnamedE del resto di viaggi è pieno “Shah Mat”, nuovo lavoro della band che per l’occasione si arricchisce di un quarto elemento, ovvero Agostino Macor della formazione prog La Maschera di Cera ai sintetizzatori, rinforzo che accresce la componente lisergica del suono di The Chanfrughen.
Shah Mat” in persiano significa il re è morto e mai titolo potrebbe essere più giusto per un disco animato da un forte sentimento libertario ed edonista, dove la band imbarca il proprio sound madido di rock settantiano, blues, psichedelia, prog, suoni esotici e scie cosmiche in un’esplorazione salgariana che, oltre al Belize, passa attraverso la Persia e Samarcanda ma pure nelle teste di alcuni egocentrici spostati che sono lo specchio dei nostri limiti e dei nostri vizi.
Con questo disco vorremmo far riscoprire la bellezza dell’inutile” dicono The Chanfrughen. E difatti non c’è nulla di più inutilmente bello e eccitante che conquistare ciascuno il proprio Belize.

Link
http://www.facebook.com/The.Chanfrughen
http://www.youtube.com/user/thechanfrughen
http://twitter.com/thechanfrughen 

unnamedBiografia
Tralasciando i difetti genetici, i The Chanfrugen sono una band specializzata in rock’n’roll e psichedelia.
Il loro sound ispira sonorità seventies caleidoscopiche. La loro ragione sociale è nella New Orleans della Liguria: Andora. La band è formata da Felix alla batteria e basta, il Manda alla chitarra elettrica e rumori alieni, il Gian al basso, voce e ipocondria.
“Musiche da insegumento” è il lavoro d’esordio dei The Chanfrughen, uscito nel febbraio 2014, è un continuo sali e scendi tra rock ‘n’ roll, psichedelia, funky e blues. La musica si incrocia con la surreale storia Italiana dagli anni ’70 ad oggi, da Andreotti fino ad Osvaldo Paniccia. L’album in esclusiva su Rockerilla ottiene immediatamente critiche positive sui maggiori mensili (Rumore, Rockerilla, Blowup) e webzine del settore. I Chanfrughen iniziano un’ intensa attività live in tutto il nord Italia e al sud anche con band di livello nazionale e internazionale come Calibro 35, Selton, The Cyborgs e Black Bombaim. Nel settembre 2014 esce il singolo ” La gladio spia e il commissario Rizzo scopre l’inghippo” in esclusiva su Ondarock.
Nel gennaio 2016 pubblicano il loro secondo disco “Shah Mat!” che vuol dire “Il re è morto!”.
Che vuol dire scaccomatto! Dalla leggenda indiana sulll’invenzione degli scacchi.
Un disco registrato alla vecchia. Tutti in una sala, in presa diretta al Greenfog di Genova, senza cuffie con strumentazione vintage. Con la collaborazione del tastierista Agostino Macor (Maschera di Cera, Blunepal, Zaal).
Il sound si differenzia molto dal primo disco, diventa più lisergico ma senza abbandonare le incursioni funky e rock. I testi cantano di personaggi dall’animo corrotto, paradisi (fiscali) e Centroamerica.
“Con questo disco vorremmo far riscoprire la bellezza dell’inutile” dicono del nuovo lavoro, da cui viene tratto un videoclip per il brano “Belize” dopo il quale i The Chanfrughen partono per un nuovo tour.

Share.

About Author

Comments are closed.