Intervista via skype con Sara Lov

0

Potremmo farla breve potremmo dirvi quanto sia bello Some kind of Champions di Sara Lov, un disco che non ha bisogno di spiegazioni ma di un ascolto soltanto per farsi capire. Quattro anni di varie peripezie personali, la voglia di tornare a fare musica, e poi Zac Rae che ha dato una sorta di zampata al progetto che è stato poi completato in brevissimo tempo. Sara è onesta, nella musica e in quel che racconta: e non è un peccato ma una nota di merito. La sua voglia di usare pledgemusic per finanziarsi la realizzazione del disco ma poi curarne, a tutto tondo, l’uscita facendone un vero e proprio pezzo d’arte.

E anche con l’intervista e non solo per il disco devo ringraziare Sara, dopo una settimana personalmente meh con interviste non esaltanti, mi ha rimesso a nuovo anche con la “professione” e mi ha fatto capire che a volte gli album belli escono fuori perché una persona ha così tanto di bello da dare che non c’è altro modo che far uscire il tutto e donarsi.

Speriamo di vederla presto in tour, nella lunga chiacchierata parliamo anche del suo sodalizio con Corrado Nuccini che probabilmente la accompagnerà nelle date italiane. Si parla poi, naturalmente, nei maggiori dettagli del disco e di alcune tracce.

(audio interview in english)

Nata alle Hawaii e cresciuta tra la California ed Israele, Sara Lov, cantante e cantautrice, inizia la sua avventura nel 1993, dando vita, insieme al pianista ed amico Dustin O’Halloran, ai Devics, duo dream pop che realizza ben cinque album firmati Bella Union, l’etichetta di Simon Raymonde dei Cocteau Twins. Nel 2008 Sara Lov intraprende il suo percorso solista e, contemporaneamente, la sua collaborazione con il produttore Zac Rae (Death Cab For Cutie, My Brightest Diamond, Fiona Apple), con il quale registra “Seasoned Eyes Were Beaming”, (2008, Nettwerk Music) e la raccolta di cover “I Already Love You” (2011, Irma Records).
La pubblicazione del primo disco solista riscuote un notevole successo e Sara Lov passa buona parte del 2009 e del 2010 in tour in Europa e Stati Uniti. L’anno successivo l’artista americana pubblica “I Already Love You”, una sua personale rivisitazione di brani altrui, dal grande trasporto emotivo.
Il nuovo album, “Some Kind Of Champion”, raccoglie tutto il mondo di Sara: un suono ipnotico e seducente, una voce agrodolce che rapisce il cuore e che la riconferma come una tra le migliori cantautrici in circolazione. “I’m better at singing than playing instruments. I get very frustrated with myself because my hands don’t know how to do what my voice would like to sing with. So for this album, I thought I would collaborate. This way, I can leave the music to those who are good at it and I can do my favorite part which is to write melodies and lyrics and sing. I did manage to write two songs for the album on my own (The Dark and One In The Morning), but if I had to write all of the music, it could have been another five years… plus, I really love collaborating and I love what each of these guys brought to the table. It’s a way I love working and hope to continue like this.” – Sara Lov.
Interamente scritto da Sara, il nuovo lavoro vede la collaborazione di Zac Rae, Dustin O’Halloran, Hauschka, Scott Leahy e Jonathan Price. Registrato e mixato nel 2015 negli studi di Zac Rae a Los Angeles, “Some Kind Of Champion” è stato realizzato grazie al sostegno dei numerosi fan che da sempre seguono Sara Lov attraverso una campagna su PledgeMusic. “Some Kind Of Champion” è pubblicato in Italia da Irma Records, distribuzione Self.
www.saralov.com – www.facebook.com/saralovmusic

LINKS

Share.

About Author

Comments are closed.