Gli Speedy Ortiz ritornano in Italia ad Ottobre

0

Gli Speedy Ortiz, nominati da Pitchfork come Best New Music 2013 per l’album d’esordio Major Arcana,
tornano sulle scene con un nuovo album, Foil Deer.
Anticipato dai brani Raising The Skate, Puffer e The Graduates,
l’album è stato registrato e mixato ai Rare Book Room di Brooklyn
e uscirà il 21 Aprile su Carpark Records.
Dopo la fantastica performance live al South by Southwest di quest’anno,
la band si prepara al suo ritorno in Italia:

VENERDÌ 9 OTTOBRE 2015
TORINO – SPAZIO 211

www.spazio211.com
via Cigna 211, 10155 – Torino

SABATO 10 OTTOBRE 2015
BOLOGNA – COVO CLUB

www.covoclub.it
Viale Zagabria, 1, 40127 (BO)

Gli Speedy Ortiz sono Sadie Dupuis (Voce , Chitarra), Darl Ferm (Basso, Ex-Day Sleeper) e Mike Falcone(Batteria, Piano, Ex-Ovlov); cresciuti tutti in Massachusetts, si sono formati nell’estate 2011. La band trova presto una calda accoglienza nel rock underground del Bay State, a Boston e nella scena sperimentale del Massachusetts occidentale. A marzo 2012 la band registra e autoproduce due singoli, Taylor Swift e Swim Fan, con la collaborazione di Paul Q. Kolderie (Pixies , Hole) e Justin Pizzoferrato (Chelsea Light Moving, Dinosaur Jr.).
A Luglio 2013 esce, per la Carpark Records, il loro disco d’esordio, Major Arcana, nominato Best New Music daPitchfork. Questo lavoro permette agli Speedy Ortiz di evolversi e passare da un progetto lo-fi ad uno molto più collaborativo, caratterizzato dalle linee di basso di Darl Ferm,
dai riempimenti chiassosi del batterista Mike Falcone, e dai riff angolari della frontwoman Sadie Dupuis.
Dopo l’arrivo lo scorso anno del chitarrista Devin McKnight, ex Grass Is Green – gruppo post-punk di Boston – gliSpedy Ortiz ritornano sulla scena musicale con un secondo album,
Foil Deer
, registrato al Rare Book Room di Brooklyn e in uscita il 21 aprile 2015.
Sin dai primi secondi del nuovo album appare chiara la missione di Sadie Dupuis, che recita in modo conciso: “I’ve known you not so very long / but watch your back, because baby’s so good with a blade.”  In tutto il disco, la cantautrice e chitarrista fa ripetutamente riferimento a questo genere di immagini vivide e violente. Il messaggio è chiaro: le armi di Dupuis sono una chitarra abilmente maneggiata e una lingua tagliente.
Considerando il suo talento per i giochi di parole, non sorprende che Dupuis si sia recentemente laureata in poesia presso la UMass-Amhers: Dupuis è una delle più interessanti giovani voci e paroliere del rock.
A differenza dei quattro giorni che sono serviti alla band per registrare Major Arcana, per comporre Foil DeerDupuis si è ritirata a casa di sua madre nei boschi del Connecticut.
Il risultato è un album ricco di armonie vocali, folate di arpeggi e texture atonali.

 

SPEEDY ORTIZ_MORE INFO:
Share.

About Author

Comments are closed.