[social] [social_icon link="/?feed=rss2" title="RSS" type="rss" /] [social_icon link="http://facebook.com/lostingroovemag" title="Facebook" type="facebook" /] [social_icon link="http://twitter.com/lostingroove" title="Twitter" type="twitter" /] [social_icon link="http://plus.google.com/113020370236331355022" title="Google+" type="google-plus" /] [/social]

TRIESTE LOVES JAZZ FESTIVAL 2015

0

TRIESTELOVESJAZZ 2015
International Jazz Festival
15 Luglio/29 Luglio + 9 Agosto 2015

Nona edizione di Trieste Loves Jazz. Il Festival, promosso dal Comune di Trieste nell’ambito di Trieste Estate ed organizzato dalla Casa della Musica – Scuola di Musica 55, si avvia dunque verso il significativo traguardo nel 2016 del suo decennale.
Come nelle precedenti edizioni, il Festival ospita protagonisti della scena jazz d’oltreoceano, artisti italiani ed europei di primo piano, numerosi musicisti del jazz triestino e regionale e riconferma la sua collaborazione con altri festival e manifestazioni musicali internazionali.
Tra il 15 e il 29 luglio si terranno 22 concerti in due tra i più suggestivi luoghi della città, Piazza Verdi e il parco del Civico Museo Sartorio poi, dopo una breve pausa, il Festival si chiuderà il 9 agosto alle ore 4.50 con l’ormai consueto concerto all’alba su Molo Audace.

TriesteLovesJazz.com | ScuoladiMusica55.it |
http://www.triestestate.it/
TriesteLovesJazz YouTube
TriesteLovesJazzFacebook

SCUOLA DI MUSICA 55/CASA DELLA MUSICA
Via dei Capitelli 3,34121 Trieste
TEL. +39 040 307309 FAX +39 040309225

Ufficio Comunicazione:
Elisa Russo
+39.347.6261519
www.elisarusso.com
elisarussopromotion@gmail.com

Tra i nomi di punta di questa nona edizione:
MIKE STERN / DIDIER LOCKWOOD BAND Featuring
STEVE SMITH & TOM KENNEDY
(15 Luglio, Piazza Verdi)
L’enfant terrible del jazz Mike Stern (scoperto da Miles Davis), con una carriera solista che conta almeno 16 dischi e 6 nomination ai Grammy Awards, nel suo progetto con il violinista elettrico Didier Lockwood.

Jarrod HRJARROD LAWSON
(24 Luglio, Piazza Verdi)
La nuova stella della musica soul, cantante strepitoso e formidabile pianista che ha già conquistato pubblico e critica con il suo album di esordio.

BRIAN AUGER’S OBLIVION EXPRESS
feat. ALEX LIGERTWOOD
(26 Luglio, Piazza Verdi)
Il guru dell’hammond e padrino dell’acid jazz Brian Auger con Alexander Ligertwood (voce di Santana) in un’esplosione di jazz, rock, soul e funk.

NION Orchestra nel progetto “ARMENIAN DREAM”
(27 Luglio, Piazza Verdi)
con lʼapporto di solisti eccezionali quali Arto Tunçboyaciyan e Alexander Balanescu.

Photo Credit:  Keith Major

Photo Credit: Keith Major

KENNY GARRETT
(28 Luglio, Piazza Verdi)
ovvero uno dei principali altosassofonisti della sua generazione e senza ombra di dubbio il più imitato al mondo.

 

 

 

 

 

**** CALENDARIO COMPLETO *** TRIESTELOVESJAZZ 2015
International Jazz Festival
15 Luglio/29 Luglio + 9 Agosto 2015

Mercoledì 15 luglio
Piazza Verdi, ore 21.00
MIKE STERN / DIDIER LOCKWOOD BAND
feat. STEVE SMITH & TOM KENNEDY
MIKE STERN – el. Guitar; DIDIER LOCKWOOD – el. Violin;
TOM KENNEDY – el. Bass; STEVE SMITH – drums
Rock-fusion firepower & sophisticated jazz harmonies

L’enfant terrible del jazz Mike Stern è uno dei protagonisti della chitarra degli ultimi decenni, un jazzman che ha familiarità con l’energia del rock ed il sentimento del blues. Alle sue spalle, collaborazioni con Miles Davis, Blood, Sweat & Tears, Billy Cobham, Jaco Pastorius, Brecker Brothers, Joe Henderson… e una carriera solista che conta almeno 16 dischi e 6 nomination ai Grammy Awards. Da diversi anni collabora con il francese Didier Lockwood al violino elettrico. Partito dalla musica classica, Lockwood è approdato poi al rock, al progressive ed al jazz sviluppando uno stile che non ha precedenti nel suo strumento. A completare il quartetto, una sezione ritmica di grande spessore ed esperienza: Steve Smith alla batteria e Tom Kennedy al basso elettrico. Smith è stato incluso dagli addetti ai lavori nella “Top 25 Drummer of All Time”, ha lavorato – oltre che coi grandi del jazz, con stelle del pop e del rock come Bryan Adams e Mariah Carey, e anche con gli italiani Zucchero, Claudio Baglioni, Andrea Bocelli. Kennedy è uno dei bassisti più acclamati e richiesti (sia in studio che dal vivo) a livello internazionale; da Dizzy Gillespie ad Al Di Meola: infinita e varia la lista degli artisti con cui ha lavorato.

Giovedì 16 luglio
Piazza Verdi, ore 21.00
BUENA BANDA (Italia, Svezia, Croazia, Brasile)
MARKO SOLMAN – trumpet; KAREL ERIKSSON – trombone;
CARLO GRANDI – sousaphone; PIETRO RICCI & LUIS CARNEIRO DE OLIVEIRA – percussion
The up to date New Orleans Brass band
I Buena Banda nascono con l’intento di scoprire e valorizzare la musica e la tradizione delle brass band di New Orleans. Propongono con energia e divertimento un repertorio che spazia dal bebop al funk, riletti in chiave moderna. La Banda riunisce musicisti da Italia, Svezia, Croazia e Brasile che si sono incontrati al dipartimento jazz dell’Università di Musica di Graz, cominciano a suonare nelle strade della città austriaca per approdare poi ai club e ai festival. Con il loro groove ed il grande impatto sonoro hanno aperto la scorsa edizione del TriesteLovesJazz.

GRUPPO DI OTTONI E PERCUSSIONI DEL CONSERVATORIO G. TARTINI DI TRIESTEIn collaborazione con il conservatorio G. Tartini di Trieste
BAICH LUKA, BERNOBIĆ NIKOLA, COLJA MATTJA, DANEU DENIS, DEQUAL MARTIN,
MILANI NICOLÒ, MOROSINI MASSIMILIANO, NOVELLO MATTEO, ROMANO LUCA,
VENDRAME GIACOMO, ZAMPIRON NICCOLÒ – trumpet;
BERTENI SIMONE, BOŽIČ TILEN – horn;
ANTONINI GIANLUCA, GASPARDO ALICE, PIERI VALENTINA – trombone;
FERRARI MAURO – euphonium; SPANO DANIELE – tuba;
COLLET CAMILLA, MONTAGNER MICHELE, ZUPIN DENIS – percussion

The Trieste Conservatory Brass band
Il gruppo di ottoni del Conservatorio di musica G. Tartini di Trieste nasce nel 2009, da un’idea del Maestro Statunitense David Short (attualmente fa parte anche dell’orchestra di musica leggera della RAI-TV), che si occupa, oltre che della preparazione dell’ensemble, degli arrangiamenti originali per questa formazione. Il repertorio spazia da arrangiamenti che partono dalla musica barocca per arrivare fino alla musica contemporanea e al jazz.

Venerdì 17 luglio
Parco del Civico Museo Sartorio, ore 21.00

FABIO JEGHER QUINTET
FLAVIO DAVANZO – trumpet; GIULIANO TULL – tenor sax;
GIORGIO GERIN – piano and synt; MARIO COGNO – double bass;
FABIO JEGHER – drums
Remembering Shelly Manne with a special quintet
Il triestino Fabio Jegher, attivo da molti anni sulla scena jazz nazionale ed internazionale non solo come strumentista ma anche come eclettico didatta e ricercatore (ha lavorato per prestigiosi istituti di ricerca americani ed europei) porta a Trieste il suo quintetto che suonerà musiche del repertorio di Shelly Manne e alcuni originali scritti per l’occasione.

ANDREA MASSARIA ARRIGO CAPPELLETTI QUARTET
ANDREA MASSARIA – guitar; ARRIGO CAPPELLETTI – piano;
ROBERTO PICCOLO – double bass; NICOLA STRANIERI – drums
Searching on the key’s boundary line
Nel corso della storia del jazz pochi sono stati i casi di quartetti a doppia leadership pianoforte-chitarra, senza il contributo di uno strumento a fiato. Arrigo Cappelletti e Andrea Massaria, due esperti e sensibili musicisti appassionati di Paul Bley, entrambi ricercatori ai confini della tonalità, in questa occasione, accompagnati da Roberto Piccolo al contrabbasso e Nicola Stranieri alla batteria, propongono temi, frammenti, abbozzi di tema, da sviluppare verso la libera improvvisazione.

Domenica 19 luglio
Parco del Civico Museo Sartorio, ore 21.00
ROBERTO MAGRIS TRIO (Italia, Slovenia)
ROBERTO MAGRIS – piano; NIKOLA MATOŠIĆ – double bass;
GASPER BERTONCELJ – drums

Jazz ahead trio
Roberto Magris ha inciso 26 album, di cui gli ultimi 11 per l’etichetta JMood Records di Kansas City (città che gli ha conferito la cittadinanza onoraria per meriti nella divulgazione della musica jazz nel mondo). Ha suonato ed inciso negli USA con Art Davis (contrabbassista di John Coltrane), Idris Muhammad, Albert “Tootie” Heath, Sam Reed… In Europa ha diretto l’Europlane Orchestra ed ha collaborato ed inciso con Herb Geller e Tony Lakatos. Nikola Matošić è un musicista particolarmente rappresentativo della scena jazz di Ljubljana. Gasper Bertoncelj è considerato come uno dei migliori musicisti della Slovenia.

ORCHESTRA LABORATORIO 3.0
Scuola di Jazz del Conservatorio G. Tartini di Trieste diretta da Giovanni Maier
ROBERT MIKULJAN – trumpet; GIORGIO GIACOBBI – tenor sax;
SERGIO BERNETTI – trombone; AURELIO TARALLO – el. Guitar;
SIMONE LANZI – double bass; CAMILLA COLLET – drums

A tribute to the genius Mingus by the Conservatory ensemble
Questo ensemble, coordinato da Giovanni Maier, docente del dipartimento jazz del Conservatorio Tartini, nasce con l’intento di approfondire le modalità e le problematiche della composizione, dell’arrangiamento e dell’esecuzione all’interno di un organico jazz. Il repertorio è composto quasi interamente da composizioni di Charles Mingus; gli arrangiamenti sono stati realizzati prevalentemente dagli studenti.

Lunedì 20 luglio
Piazza Verdi, ore 21.00
PREMIO FRANCO RUSSO: OIRQUARTET
GIULIO SCARAMELLA – piano; GIOVANNI PERIN – vibraphone;
MARCO TRABUCCO – acoustic bass; MAX TRABUCCO – drums & percussion
The jazz new blood
Appuntamento annuale con il Premio “Franco Russo”, indetto dalla moglie Silvia in ricordo del grande musicista triestino per sostenere i giovani musicisti che per talento ed impegno si stanno distinguendo nell’ambito del jazz regionale e nazionale. Il vincitore di questa edizione del premio, il pianista Giulio Scaramella (goriziano, classe ’87, diplomato col massimo dei voti e lode al Tartini), si esibisce sul palco del festival assieme al suo attuale quartetto.
MURWATER RAMBLERS (Austria-Slovenia-Italia)
PETER ULBRICH – clarinet & saxophone; MANFRED RASCH – trombone;
WILHELM “WILLI” HABERLER – drums; EDUARD HOLNTHANER – trumpet & saxophone;
EWALD OBERLEITNER – double bass; WERNER RADZIK – piano; MAURIZO NOBILI – voice

From New Orleans & Dixieland-Revival
to Caribbean music, drinking “murwater”!
I Murwater Ramblers si formano nel 1957 a Graz, dalla fusione di due band attive nell’ambito del jazz tradizionale. Sono una delle band europee più legate allo stile New Orleans Jazz e Chicago Jazz ed hanno partecipato negli anni a vari festival jazz europei. Dal 2000 in poi si aprono a contaminazioni ed esperimenti stilistico-musicali con vari generi, compresi ritmi caraibici. Il nome deriva da una bevanda alcolica distillata da uno dei primi trombonisti della band e battezzata “Murwater” (“Acqua della Mur”, il fiume di Graz).

Martedì 21 luglio
Parco del Civico Museo Sartorio, ore 21.00
TRIO WUH
SKIP WILKINS – piano; FRANTIŠEK UHLIR – bass; JAROMIR HELESIC – drums
One of the best new dynamic trios in Europe acting nowadays
Il grande pianista americano Skip Wilkins, insieme a František Uhlir – uno dei migliori contrabbassisti europei – ed all’ottimo batterista Jaromir Helesic, ha fondato tre anni fa il Trio WUH. Degli autentici giramondo, hanno realizzato un numero notevole di concerti, in Svizzera, Germania, Austria, Repubblica Ceca e Stati Uniti.

ANNA LAUVERGNAC international 4tet (Italia, Germania, Grecia, Inghilterra)
ANNA LAUVERGNAC – voice; CLAUS RAIBLE – piano;
GIORGOS ANTONIOU – double bass; STEVE BROWN – drums
Anna sings from her heart: not a mere show in which
exposing abilities, but a real act of love
Triestina di nascita e nomade per vocazione, Anna ha raggiunto fama internazionale grazie alla sua collaborazione decennale con la Vienna Art Orchestra con cui si è esibita in gran parte del mondo. Oggi sta ricevendo ampi consensi con il suo quartetto, l’album “Coming back home”, è stato insignito del Premio della Critica tedesca ed ha ricevuto recensioni entusiaste. Il tedesco Claus Raible, oltre ad essere una delle figure più importanti della scena del jazz in Europa si è conquistato una solida reputazione sia come pianista che come compositore ed arrangiatore negli Stati Uniti; il greco Giorgos Antoniou possiede un suono e un senso del ritmo straordinario, qualità che lo hanno portato a essere uno dei bassisti più richiesti in Europa; l’inglese Steve Brown, vincitore del British Jazz Award, si distingue per uno swing pieno e vibrante e una grande musicalità.

Mercoledì 22 luglio
Parco del Civico Museo Sartorio, ore 21.00
LUCA CIUT “Are Dreams Overvalued?”
and preview of “Dancing With Maria” soundtrack
LUCA CIUT – piano; EMMA ANNA KRIZICK – viola;
IRENA CRISTIN – cello; ALESSANDRO TURCHET – double bass
Intimate, honest, emotional: dive into
the music to become a part of it!
Luca Ciut presenta il suo nuovo spettacolo basato sull’album premiato ai Global Music Awards “Seventeen Million Lonely Angels”. Nel suo concerto i musicisti suonano sopra una nuvola di luci e il pubblico, seduto a distanza ravvicinata, condivide questa esperienza visiva e di ascolto. Recentemente Ciut ha realizzato la colonna sonora per il documentario Dancing with Maria, premiato al festival del cinema di Venezia.

Giovedì 23 luglio
Parco del Civico Museo Sartorio, ore 21.00
KLAUS GESING REAL TIME
KLAUS GESING – sax soprano, bass clarinet, live elect
Real jazz in real time
Conosciuto per i suoi contributi in tanti dischi della celebre etichetta tedesca ECM – in collaborazione con Norma Winstone e Glauco Venier e nel quartetto di Anouar Brahem – Klaus Gesing presenta ora il suo primo progetto in “solo”. Tutte le composizioni ed improvvisazioni utilizzano un sistema per registrare e riprodurre le tracce musicali (live looping) ma l’aspetto più importante della musica dal vivo rimane inalterato: tutto succede in tempo reale.
QUARTETTO
JAVIER GIROTTO – soprano and baritone sax; MASSIMO DE MATTIA – flutes;
ZLATKO KAUČIČ – drums & percussion; BRUNO CESSELLI – piano
Four great musicians for a brand new band
Il quartetto di recentissima formazione presenterà una serie di composizioni originali. Girotto in Italia ha collaborato tra gli altri con Enrico Rava. Il pordenonese De Mattia ha esordito negli anni 70 suonando con Glauco Venier, U.T.Gandhi, Ares Tavolazzi… Lo sloveno Kaučič nel 2011 ha ricevuto il Prešern Fund Award (il più alto riconoscimento per le attività culturali in Slovenia). Cesselli ha fatto parte degli Area fino al 1987, poi nel 1991 fino al 1993 degli Elements, guidati dal bassista Mark Egan. Svolge un’intensissima attività concertistica in tutta Europa.

Venerdì 24 luglio
Piazza Verdi, 0re 21.00
JARROD LAWSON
JARROD LAWSON – VOCALIST/KEYBOARDS; CHRISTOPHER FRIESEN – BASS;
JOSHUA CORRY – DRUMS; CHANCELLOR HAYDEN – GUITAR;
TAHIRAH MEMORY – SUPPORTING VOCALIST; MOLLY FOOTE – SUPPORTING VOCALIST
The hottest new talent to hit soul music in at least 10 years
Jarrod Lawson è al momento una delle stelle più luminose del panorama soul-jazz. I suoi eroi di sempre sono Donny Hathaway e Stevie Wonder (e di certo ha coronato un sogno quando Stevie Wonder in persona l’ha voluto ad esibirsi alla sua festa di compleanno!). Il suo folgorante album di debutto mescola jazz, funk, gospel-blues e soul ed è stato scritto, prodotto e arrangiato dall’artista stesso; i media l’hanno salutato come uno degli esordi più interessanti della musica soul degli ultimi dieci anni. Un cantante strepitoso ed un pianista formidabile di cui si sentirà ancora parlare molto.

Sabato 25 luglio
Parco del Civico Museo Sartorio, ore 21.00
FEGUŠ QUARTET FEAT. DANIEL SCHNYDER (SLO, USA)
FEGUS BROTHER: FILIP AND SIMON PETER – violin; ANDREJ – viola;
JERNEJ – cello; DANIEL SCHNYDER – sax
Four slovenian brothers featuring the Swiss American composer and saxophonist Daniel Schnyder
The Feguš String Quartet si è formato nel 1992. Dopo la Scuola di Musica da Camera di Fiesole nel 2008 si perfezionano all’Universität für Musik und darstellende Kunst Graz. Schnyder, nato a Zurigo ma statunitense di adozione, è compositore, flautista, sassofonista a suo agio sia nella tradizione accademica della musica da camera che nell’avant-garde jazz.

ORNELLA SERAFINI ERMANNO SIGNORELLI DUO
ORNELLA SERAFINI – voice; ERMANNO SIGNORELLI – guitar & percussion
A good vibration duo
“Viaggio sulla Terra”
Inedita, originale e sofisticata collaborazione tra Ornella Serafini cantante, attrice ed insegnante ed Ermanno Signorelli chitarrista e compositore. In questo progetto Ornella, voce e aggeggi sonori, ha curato i testi e le parti vocali mentre Signorelli, chitarra acustica e percussioni, ha composto la musica e ha curato gli arrangiamenti.

Domenica 26 luglio
Piazza Verdi, ore 21.00

BRIAN AUGER’S OBLIVION EXPRESS
feat. ex Santana ALEX LIGERTWOOD (USA)
BRIAN AUGER – hammond, keyboard; ALEX LIGERTWOOD – voice,
guitar; KARMA AUGER – drums; TRAVIS CARLTON – bass
The guru of hammond and Godfather of acid jazz Brian Auger
with Alexander Ligertwood (Santana’s voice): an explosion of jazz, rock, soul and funk
Tornano i leggendari Brian Auger’s Oblivion Express. Brian Auger è uno dei tastieristi di jazz e rock più prolifici. Dopo The Steampacket con Rod Stewart e Brian Auger’sTrinity con Julie Driscoll, Auger ha preso parte a vari progetti con Eric Burdon, Pete York, Jon Lord. Inglese di origine, si è trasferito da svariati anni in California e con grande energia e carisma continua a pubblicare album di grande successo. La band di Brian negli anni ha collaborato con diversi artisti, incluso Jimi Hendrix; Brian ha registrato con The Yardbirds, Eric Clapton, Van Morrison… La voce di Alex Ligertwood è conosciuta in tutto il mondo come la voce dei Santana: per 16 anni il cantante rock scozzese è stato in tour con Carlos Santana e ha suonato su diversi album del gruppo.

Lunedì 27 luglio
Piazza Verdi, ore 21.00
NION ORCHESTRA feat. ARTO TUNÇBOYACIYAN & ALEXANDER BALANESCU “ARMENIAN DREAM”
In collaborazione con Euritmica – Udin&Jazz
ARTO TUNÇBOYACIYAN – voice & percussion; ALEXANDER BALANESCU – violin;
MARIA VICENTINI – cello; FRANCO FERUGLIO – double bass;
LUCA GRIZZO – percussion; ALESSANDRO MANSUTTI – drums;
CLAUDIO COJANIZ – armonium e conduzione
Original armenian music mixed with jazz
Il concerto propone musica originale ispirata ad arie popolari armene elaborate in chiave jazz da Claudio Cojaniz con lʼapporto di solisti eccezionali quali Tunçboyaciyan (Chet Baker, Al Di Meola ma anche System of a Down; è anche uno dei fondatori dei Night Ark con i quali ha pubblicato cinque album) ed il celebre violinista rumeno Balanescu (Carla Bley, Gavin Bryars, Jack DeJohnette, John Lurie, Andy Shepard e John Surman, Pet Shop Boys, Yellow Magic Orchestra – oltre che il famoso quartetto che porta il suo nome, che ha collaborato, tra gli altri, con David Byrne). Un omaggio al popolo armeno e alla sua cultura.

Martedì 28 luglio
Piazza Verdi, ore 21.00
KENNY GARRETT QUINTET
“PUSHING THE WORLD AWAY”
GRAMMY NOMINATION: BEST JAZZ INSTRUMENTAL ALBUM
KENNY GARRETT – alto and soprano saxophones;
CORCORAN HOLT – acoustic bass; MARCUS BAYLOR – drums;
VERNELL BROWN – acoustic piano; RUDY BIRD – percussion
Grammy Award-winning Garrett: one of the most admired alto saxophonists in jazz after Charlie Parker
Nel corso di una carriera stellare che copre un arco di tempo di più di trent’anni, Kenny Garrett è divenuto uno dei principali altosassofonisti della sua generazione e senza ombra di dubbio il più imitato al mondo. Dal suo primo ingaggio professionale con la Duke Ellington Orchestra, collaborando in seguito con musicisti del calibro di Freddie Hubbard, Woody Shaw, Art Blakey & The Jazz Messengers e Miles Davis, Garrett ha apportato, in ognuna delle situazioni musicali menzionate, il suono vigoroso, melodico e inconfondibile del suo sax alto. Durante gli ultimi due decenni da band leader è cresciuto con continuità come compositore. Dopo l’enorme successo dell’album “Seeds of Underground” del 2012, presenta il suo ultimo splendido lavoro “Pushing the World Away”.

Mercoledì 29 luglio
Piazza Verdi, ore 21.00
A NIGHT FOR LELIO
“Lelio Luttazzi: la sua eleganza, il disincanto, quell’aria da flaneur che sapeva swingare e scivolare sul peso della vita anche quando, come immagino, non era sempre il caso. Da lui, quel fiol de un can de Trieste, mai una lezione, mai un’idea imposta, semplicemente l’ironia che fioriva nella fossetta un po’ amara, un po’ sorniona del sorriso”: così la giornalista e critica cinematografica Piera Detassis ben descriveva Luttazzi. A cinque anni dalla scomparsa dell’ineguagliabile maestro dello swing, attore, cantante, musicista, conduttore tv e tanto altro, la sua Trieste non può che dedicargli una serata speciale.
2 PIANOS FOR LELIO
In collaborazione con il conservatorio G. Tartini di Trieste
GIULIO SCARAMELLA – piano; FRANCESCO DE LUISA – piano
A Night for Luttazzi, the genius of swing
Due giovani e talentuosi pianisti, che si sono formati nei corsi del Conservatorio Tartini di Trieste, apriranno la serata dedicata all’indimenticato Maestro. Un omaggio originale con la presenza inedita di due pianoforti sul palco di Piazza Verdi ed un programma caratterizzato da alcuni dei brani più conosciuti e significativi scritti da Lelio Luttazzi elaborati e riarrangiati dai due musicisti per questa speciale occasione.
LE VOCI DI CORRIDOIO SPECIALE PER LELIO
ROBERTA BACCIOLO – voice; ELENA BACCIOLO – voice;
FULVIO ALBERTIN – voice; PAOLO MOSELE – voice, arrangiamenti vocali;
TIZIANA CAPPELLINO – piano; SAVERIO MIELE – double bass;
LUCA RIGAZIO – drums
Uno strepitoso quartetto vocale con la passione per la musica swing, Le Voci di Corridoio hanno realizzato a fine 2014 il CD “Speciale per Lelio”: per il gruppo è stato un punto di arrivo di una carriera ventennale. Canzoni note al grande pubblico, qualche preziosa rarità e qualche inaspettata sorpresa: un’occasione per ripercorrere la carriera dell’indimenticato maestro dello swing.

Domenica 9 Agosto
Molo Audace, ore 4.50
CONCERTO ALL’ALBA
MARCO BALLABEN – piano
A great piano player in the faint light of dawn
Il consueto concerto all’alba, il passaggio dal buio alla luce, è affidato quest’anno a Marco Ballaben pianista, tastierista, arrangiatore, insegnante: un musicista eclettico che vanta competenze in ogni genere musicale, polistrumentista talentuoso e di grande sensibilità.

Share.

About Author

Comments are closed.