Bandupdate per l’A night like this festival

0

A PLACE TO BURY STRANGERS,
IOSONOUNCANE, ALBEDO, ABIKU, JOAN THIELE,
THE CIRCLE, GIORGIENESS, RAME, FINISTÈRE, L-NOIR,
PARADOS, VICTORIA STATION DISORDER, ONGAKU MOTEL

si aggiungono ai nomi già annunciati
DRINK TO ME, JENNIFER GENTLE,
GIRLS NAMES, C’MON TIGRE, POPULOUS,
WELCOME BACK SAILORS, EDIPO

In apertura ai concerti Carlot-ta

SABATO 18 LUGLIO 2015
Chiaverano (TO)
Piazza Ombre, 1

E’ attiva la campagna Musicraiser per acquistare i biglietti del festival:
http://musicraiser.com/it/projects/4073
Biglietto: 10
Ulteriori pacchetti festival disponibili sulla pagina Musicraiser di A Night Like This Festival

www.anightlikethisfestival.com
www.facebook.com/ANightLikeThisFestival – twitter: @anightlikethisfestival

AL TERMINE DEI CONCERTI IL FESTIVAL CONTINUA CON L’AFTERSHOW PRESSO IL CAMPING DEI LAGHI, MENTRE IL MATTINO SEGUENTE IL BUONGIORNO SARA’ DATO DAL LIVE SUL PONTILE DEL LAGO SIRIO, A BREVE I DETTAGLI E LE LINE UP

ANCHE QUEST’ANNO SARA’ INOLTRE DEDICATO AMPIO SPAZIO ALLA FOTOGRAFIA, CON DUE MOSTRE FOTOGRAFICHE ORGANIZZATE DA REFLEXTRIBE ED IL CONTEST IN COLLABORAZIONE CON LA COMMUNITY INSTAGRAM IGWORLDCLUB

TORNA INFINE LA MOSTRA A CIELO APERTO DI ARTISTI EMERGENTI, INTITOLATA QUEST’ANNO(E)COESISTENZE E CON TEMA IL RAPPORTO TRA L’UOMO E LA NATURA

Si aggiungono nuovi nomi alla line up di A Night Like This Festival, il festival di musica indipendente immerso nel suggestivo borgo medievale di Chiaverano (TO), arrivato quest’anno alla sua quarta edizione. Dopo l’annuncio della data – sabato 18 luglio – e dei primi nomi – Drink To Me, Jennifer Gentle, Girls Names, C’mon Tigre, Populous, Welcome Back Sailors, Edipoil cartellone si amplia con nuovi artisti di richiamo nazionale ed internazionale, tra i più interessanti dell’attuale panorama musicale.

Si parte con A Place To Bury Strangers, la band noise rock psichedelica di New York che porterà sul palco del festival l’acclamato nuovo album Transfixiation, quarto lavoro in studio pubblicato lo scorso febbraio, nonché il primo registrato con il nuovo batterista Robi Gonzales.

Nuovo disco da ascoltare dal vivo anche per IOSONOUNCANE, che con il secondo album Die, pubblicato a marzo, propone un collage di suoni che mescola il digitale di campionatori e sintetizzatori con i suoni degli strumenti tradizionali, tra chitarre, organi, flicorni, canti tenorili e molto altro ancora.

I milanesi Albedo presenteranno a loro volta live il nuovo Metropolis, quarto album del loro repertorio pubblicato a marzo, un racconto in prima persona su una colonna sonora new-wave della fuga del protagonista dall’omonima città, devastata da povertà e miseria, alla ricerca di una vita migliore.

Sul palco anche il pop degli Abiku, in scena con il profondo album del 2014 La Vita Segreta, tra ricordi, sogni e miraggi che scavano negli animi dei cinque membri della band di Grosseto attraverso tematiche per loro estremamente intime.

Si continua con Joan Thiele, cantautrice italiana ma cittadina del mondo che ha vissuto tra il nostro Paese, il Sud America e l’Inghilterra, raccogliendone le diverse tradizioni musicali in un personalissimo folk rock che le ha fatto guadagnare il paragone con musiciste del calibro di Joni Mitchell ed Ani Di Franco.

Giocano in casa The Circle, cinque ragazzi torinesi che attingono dal pop-rock più tradizionale sfumandolo con tratti di brit-pop e post-rock; del settembre 2014 il primo LP Life in a Motion-Picture Soundtrack.

Giorgieness sono invece una rock band cantautorale capitanata dalla voce esplosiva di Giorgie D’Eraclea, ideatrice e cuore pulsante del progetto. Del 2013 l’EP d’esordio Noianess, con il quale hanno conquistato i palchi più interessanti della Penisola dividendo la scena con alcuni dei nomi più importanti del panorama indipendente italiano.

Si torna in zona Torino con i Rame, band alternative rock che canta in italiano e suona dura come il metallo di cui porta il nome; i quattro assicurano un live d’impatto e coinvolgente, dal quale non si può rimanere delusi.

Finistère si sono formati alla fine del 2012 dalle ceneri dei precedenti progetti dei quattro membri della band; a fine 2014 hanno pubblicato Alle Porte Della Città, raffinato album d’esordio che si muove su un indie-pop di matrice anglosassone ma cantato in italiano.

Il cartellone prosegue con l’elettro-rock dei milanesi L-Noir, progetto che oltre ad occuparsi di musica, della quale si può ascoltare un assaggio con l’EP d’esordio del 2014 _teloneros, collabora con artisti in ambito fotografico, cinematografico e grafico, per proporre un progetto artistico a 360°.

I milanesi Parados nascono come duo acustico poi evolvutosi in quartetto elettro-acustico; grazie alla vittoria del premio SAE organizzato all’interno del Mi Ami Festival 2013 hanno registrato e pubblicato l’album d’esordio Parados.

Victoria Station Disorder sono la nuova band di Alberto “Pernazza” Argentesi, noto per aver militato negli Ex-Otago fino al 2012; del febbraio 2013 il primo EP 274, seguito a dicembre dello stesso anno dal secondo EP Lift Off!, entrambi autoprodotti.

Ongaku Motel sono un trio pop-folk milanese che prende il nome dal vocabolo giapponese ongaku, che significa gioia dei suoni, e dai concetti che la parola motel rievoca, tra la bellezza del viaggio, la passione delle fughe d’amore, ma in certi casi anche il disagio sociale; del 2014 l’EP d’esordio Ogni Strada è un Ricordo.

In apertura ai concerti l’inedito set di organo, voci e rumori della polistrumentista Carlot-ta, costruito ad hoc sulle sonorità dell’antico strumento della Chiesa di San Silvestro di Chiaverano, dove si svolgerà lo spettacolo, tra un cupo e sofferto blues e malinconie folk.

Non finisce qui: alle 03.00, al termine dei concerti, il festival continuerà con l’aftershow al Camping dei Laghi, sulle sponde del Lago Sirio, mentre la mattina seguente ci si potrà svegliare con il live sul pontile del lago, in programma dalle 12.00.

Anche quest’anno A Night Like This Festival non offrirà solo ottima musica: la fotografia avrà un ruolo importante all’interno della rassegna, con due mostre fotografiche realizzate dall’Associazione Culturale Reflextribe, allestite presso la chiesetta sconsacrata di Santa Marta a Chiaverano. Si rinnova inoltre la collaborazione con la community Instagram IGWORLDCLUB, che promuoverà un contest con l’hashtag #altrevisioni della durata di 12 settimane, al termine delle quali verranno selezionate le 12 foto che faranno parte di un calendario in vendita al festival, il cui ricavato sarà devoluto all’Associazione ONLUS Piccolo Carro di Chiaverano, nata per offrire sostegno alle persone con disabilità. Torna inoltre per il secondo anno consecutivo la mostra a cielo aperto di artisti emergenti, anche per questa edizione a cura di Gianluca Gramolazzi; l’esposizione si intitolerà (E)coesistenze ed avrà tema green, con al centro del concept l’interazione uomo-natura.

Ormai giunto alla sua quarta edizione, A Night Like This Festival torna come ogni anni a Chiaverano, gioiello medievale nascosto nel Canavese accanto ad Ivrea e ad un passo dal bellissimo Lago Sirio. E come ogni anno con un occhio di riguardo alla musica di qualità, alla natura, ai prodotti hand made, alle degustazioni a km zero e all’arte. A Night Like This promette un viaggio ipnotico e coinvolgente, in una location mozzafiato. Strutture convenzionate e servizi navetta collegheranno lavicinissima stazione di Ivrea all’area concerti e al campeggio sulle sponde del Lago Sirio, nelle cui acque è possibile (e consigliato!) nuotare circondati da un paesaggio magico, regalando la possibilità di trascorrere un weekend estivo low cost di puro relax.

 

Share.

About Author

Comments are closed.