Intervista agli Everything Everything

0

Me and Everything EverythingFreschi di due nomination agli Ivor Novello Awards, vi proponiamo la trascrizione dell’intervista agli Everything Everything. Noi abbiamo chiacchierato con Jeremy e Michael, in occasione del loro concerto a Bologna.
Se vi interessa la parte audio la potete trovare qui su Radiosglaps.

Gli Eveyrthing Everything sono un gruppo britannico alternative rock formato a fine 2007, provengono da Newcastle , Kent e Guernsey e risiedono in Manchester. La band è diventata famosa quando si rivelarono a fine 2009 tra i segnalati nel BBC sound 2010. La band ha pubblicato il loro album di debutto, Man Alive attraverso la Geffen Records il 30 agosto 2010, che poi ha debuttato al numero 17 della classifica dei dischi nel Regno Unito.

[intervista di Francesca Fiorini, trascrizione a cura di Ilaria Ragno]

F: quindi è la prima volta che venite qui?

E: non abbiamo mai suonato in italia quindi non sappiamo cosa aspettarci

F: che ne pensate?


E: ci piace molto, si vive bene, il cibo è ottimo, la gente è gentile!
F: mi piace parecchio il vostro album…
E: grazie!
F. sono un po’nervosa perchè sono una vostra fan! le canzoni sul vostro album sono molto varie, da dove prendete l’ispirazione?
E: da un sacco di generi diversi perchè abbamo fatto parte di diverse band, alcune insieme, alcune separatamente e abbiamo già suonato diversi generi musicali che ci hanno portato a questa band. Abbiamo sempre voluto essere sorprendenti!
F: il vostro album è un riassunto dei vostri tre anni.. per il prossimo album? lo state registrando ora?
E: sì, abbiamo inziiato a scriverlo!
F: qual è la direzione del vostro album?
E: a dir la verità non lo sappiamo ancora, forse leggermente meno complesso, vedremo! ci divertiamo a vedere dove tutto ciò ci porta al momento.. seguiamo i nostri istinti piuttosto che la musica, non stiamo scrivendo in una precisa direzione musicale!
F: tutti quelli che vi hanno intervistato parlano di manchester.. credo che sia utile come punto di partenza e promozione per la musica, anche perchè ho parlato con i The Joy Formidabl, vengono dal galles, e nonostante non conoscano diversi critici hanno comunque fatto tanta strada.
E: sì beh, se sei di manchester o londra è più facile che critici ti notino, ma allo stesso tempo quello che deriva è il sound che tutti si aspettano da quelle città) quindi ci sono dei pro e contro per tutti.
F: avete lavorato con David Kosten, com’è stato?
E: fantastico, era davvero ciò di cui avevamo bisogno! era un fan prima di tutto e avevamo già lavorato con lui per un singolo così sapevamo quello di cui era capace. Ha capito come volevamo suonare probabilmente anche meglio di noi..aveva una visione generale che noi non avevamo e ci ha aiutato a portarla fuori e trarne il meglio. Non sappiamo se lavorerà anche sul prossimo album. Credo che se dovessimo fare un album da soli ci perderemmo molto velocemente.
F: i titoli di alcune vostre canzoni sono molto “geek”, anche io sono abbastanza geek! come mai?
E: (una bellissima scenetta con il cantante attaccato al suo ipod a giocare e una serie di gingilli elettronici mostrati tra nerd)
F: noi siamo una webradio che si concentra molto sui blogger e quindi quando ho pensato a “qwerty fingers” ho esultato! siete una band per la gente ma il vostro suono è abbastanza distintivo sul palco..come vi siete conosciuti? come avete formato la band?
E: john e io siamo andati a scuola insieme e poi john è andato in uni e abbiamo trovato alex in un’altra band, ci sono voluti un po’ d’anni!
F: avete suonato a glastonbury l’anno scorso, ora south by southwest..
E:sì è stato bellissimo, tutti i festival sono molto entusiasmanti, quest’anno sarà comunque il primo tour con un album in uscita che la gente già conosce.. speriamo senza pioggia! Sarà un’esperienza completamente diversa!
F: che mi dite delle recensioni? nme vi ama, pitchfork ha un metodo di scelta piuttosto soggettivo..
E: esatto, è un peccato, in generale ci aspettavamo buone recensioni perchè abbiamo dato l’album a gente a cui è piaciuto mentre la stessa cosa non è valida per pitchfork.. è sempre una questione di gusto personale, ma ci va bene, non possiamo piacere a tutti! Ci aspettavamo a dir la verità delle recensioni molto più divise in uk mentre a quanto pare è piaciuto a tutti, siamo molto felici!
F: avete partecipateo anche all’nme tour..
E: sì.. il target dell’nme tour è principalmente verso la gente più giovane, hanno un modo diverso di sentire la musica, meno definito dal genere, è stato bello per quello! è merito di internet, è come avere un ipod in shuffle, è precisamente come funziona l’nme tour.. credo ci siano pro e contro per tutti, come ogni forma d’arte! i ragazzini di 14 anni oggi pensano alla musica come qualcosa da avere e cancellare molto facilmente e io ho dovuto comprare cassette e cd e non mi sono mai liberato di nulla, anche se non ascolto più alcuni di loro.. questo è il male della digitalizzazione della musica. Però puoi anche ascoltare quasi qualsiasi cosa nel mondo semplicemente spingendo un bottone.
F: ho letto che avete suonato con un’orchestra..come funziona per una band? in inghilterra avete già cose simili a questa, tipo gli bbc electric proms..
E: sì ci è piaciuto molto, non era strettamente un orchestra, è stata un’esperienza interessante che ha dato una nuova prospettiva alle nostre canzoni.. avrebbe potuto essere un totale fallimento e il fatto che non lo sia stato lo rende ancora meglio! è stato bello poter fare qualcosa di spettacolare nel 2010, un anno molto importante per noi!
F: qual è il vostro posto preferito per suonare?
E: beh abbiamo suonato alla brixton academy a londra che è molto famosa in inghilterra, è stato un concerto molto simbolico.. dipende da quello che si cerca in un concerto.. non è tanto il posto quanto l’occasione che rende il concerto speciale.. anche la recezione del pubblico ha un ruolo fondamentale
F: è qualcosa che non puoi controllare o quantificare ma è molto importante.. ultima domanda: i vostri progetti? il secondo album è molto difficile per tutte le band..
E: sì è molto difficile, è una questione di tempo, passeremo il prossimo mese a scrivere in una “stanza speciale” che abbiamo preso in prestito dagli elbow a manchester e poi faremo tutti i festival, con molta probabilità avremo qualcosa di molto chiaro per la fine dell’anno e potremo far uscire l’album il più velocemente possibile in 2012.. speriamo

Share.

About Author

Comments are closed.