Cadori: “Devi uccidere tutti i tuoi mostri”

0
Devi uccidere tutti i tuoi mostri” è una nuova canzone di Giacomo Cadori Giunchedi. Il pezzo è disponibile da oggi su YouTube (https://youtu.be/ZnN28c5pbkc) ma non è un nuovo singolo né una traccia di “Cadori“, il debutto del cantautore abruzzese-bolognese uscito lo scorso novembre.

Devi uccidere tutti i tuoi mostri” originariamente doveva essere incluso nel primo disco di Cadori, ma per ragioni tecniche non fu possibile inserirlo nelle tracklist. Oggi la canzone arriva come appendice a quel disco e preambolo a quello che sarà il nuovo lavoro di Giacomo Giunchedi, che nel frattempo sta scrivendo nuovi brani.

Devi uccidere tutti i tuoi mostri” è stata registrata e mixata da Michele Postpischl nei suoi Soporoco Studio lo scorso inverno, e masterizzata da Enrico Capalbo qualche mese più in là nel suo seminterrato. “Se devo scegliere un’immagine per descrivere il brano – racconta Cadori – mi viene in mente una di quelle scene da film d’azione, in cui il protagonista scappa da qualcosa di veramente minaccioso. Lui corre verso la salvezza, tutto il suo corpo è con lui, le sue energie, i suoi nervi e si suoi muscoli. Logicamente, ce la farà.

Link
http://cadori.bandcamp.com
http://www.facebook.com/cadori

Biografia

Cadori è il nome scelto da Giacomo Giunchedi, abruzzese, classe 1985, stanziato a Bologna, per dare un’identità artistica ai brani composti nel corso del 2013. Il percorso musicale compiuto per arrivare all’adozione di uno stile come quello di Cadori trae le sue origini dalla passata militanza in diverse formazioni musicali, tutte orientate al rock alternativo. Nel 2012, dopo aver dato alla luce “Fancy Tunes”, il primo ed ultimo album con la band La N, Giacomo decide di proseguire la sua ricerca musicale con il songwriting, cioè con la scrittura di pezzi in inglese, a cui aveva già lavorato in passato realizzando un album dal nome “We Were There”, distribuito nel 2010 dalla Whoolshop, una label di Palermo. Il seguito di questo disco è “Unalaska”, del 2013, registrato in casa, a bassa fedeltà come il suo predecessore, seppure più curato nei dettagli e dotato di sfumature sonore più ricche. Nel corso del 2013 si esibisce in diverse date con voce e chitarra, iniziando contemporaneamente a comporre brani in italiano che inserisce nel repertorio di Ian Vincent. Il nuovo materiale inizia ad essere registrato nello stesso 2013, ad Agosto, fino al Marzo 2014, quando Giacomo decide di adottare il nome Cadori e di intraprendere un progetto che aveva ormai poco da condividere con la scrittura di canzoni in inglese. Il primo disco di questo nuovo percorso si intitola “Cadori” ed esce a novembre 2014.
Le registrazioni del disco coinvolgono ai mix Michele Postpichl (OfeliaDorme) e Roberto Rettura (che ha lavorato con Iosonouncane, Calibro35 ed altri). Giacomo milita dal 2013 anche nella band Torakiki, con i quali ha pubblicato l’EP “Mondial Frigor”, anticipato dal video del brano “Dorothy”.

Share.

About Author

Comments are closed.