Esce oggi Vimini, il primo disco degli Slim Fit: disponibile sulle piattaforme digitali

0

Vimini, il primo disco della band cagliaritana Slim Fit, uscirà ufficialmente venerdì 13 gennaio 2017 e sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali, compresi Itunes e Spotify.
Vimini è stato registrato all’interno di una Casa Cantoniera tra ottobre 2015 e febbraio 2016, nei pressi di Burcei, all’interno del Parco dei Sette Fratelli. Il luogo insolito è stato scelto per le sue caratteristiche, che garantivano silenzio e tranquillità, senza connessioni, reti telefoniche e televisione.
Il disco contiene 10 brani di cui 2 completamente strumentali ed è stato preceduto dal singolo ‘Stroboscopico’, rilasciato il 2 novembre scorso. I testi sono stati scritti in italiano e rievocano suggestioni tra passato e presente, ruotando intorno al tema della superstizione. Coerentemente, gli arrangiamenti e le melodie sono stati individuati con l’obiettivo di portare i suoni fuori dal tempo, una scelta suggerita anche dal titolo dell’album: Vimini come materiale della tradizione ma anche del presente, dalle innumerevoli possibili forme.
La produzione artistica di Vimini è stata affidata a Fabio Demontis che lo ha registrato insieme a Giuseppe Aledda.

Gli Slim Fit sono nati a Cagliari nella primavera del 2010 e da allora si sono dedicati alla scrittura, alla composizione e all’arrangiamento di brani originali, senza mai passare per le cover. Nel corso degli anni la band si è esibita praticamente in tutta l’Isola e ha pubblicato 2 Ep; il primo, dal titolo 1963, è stato rilasciato nel 2012 e il secondo, Alberto, è uscito nel febbraio del 2015. I singoli scelti nell’ambito di questi due primi lavori sono stati accompagnati da videoclip curati da alcuni tra i principali video-maker della scena sarda come Joe Bastardi a Sensational Gianni.
Nell’autunno del 2015 gli Slim Fit decidono di registrare il loro primo vero disco e scelgono come location di registrazione un luogo insolito: una Casa Cantoniera. Il luogo si trova nei pressi di Burcei, all’interno del Parco dei Sette Fratelli ed è stato scelto per le sue caratteristiche, che garantivano silenzio e tranquillità, senza connessioni, reti telefoniche e televisione.

Share.

About Author

Comments are closed.